Regione Lazio: la sentenza del Tar sospesa dal Consiglio di Stato

Politica

Regione Lazio: la sentenza del Tar sospesa dal Consiglio di Stato

Roma – Il Consiglio di Stato ha accolto la domanda di sospensione della sentenza del Tar del Lazio che imponeva alla presidente Renata Polverini di indire le elezioni regionali entro 5 giorni.

”Il Consiglio di Stato – si legge nel provvedimento – accoglie la domanda di provvedimento cautelare monocratico e per l’effetto sospende provvisoriamente l’efficacia della sentenza appellata. Fissa, per la discussione, la camera di consiglio del 27 novembre 2012. Il presente decreto sarà eseguito dall’Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti”.
”Nelle more della decisione collegiale della domanda cautelare – viene rilevato – la necessaria esecuzione della sentenza impugnata da parte della Presidente della Regione ovvero del commissario ad acta in via sostitutiva arrecherebbe all’appellante Regione un pregiudizio di estrema gravità quanto ai termini per l’esercizio del potere di indizione delle elezioni e ai contenuti che – a suo avviso – il provvedimento potrebbe avere”.

Il Consiglio di Stato, considerato ”che ricorre dunque un caso di estrema gravità e urgenza, in relazione al fine di evitare che la pronuncia collegiale sulla domanda cautelare intervenga quando le situazioni soggettive dedotte in giudizio sono state pregiudicate ed anche all’esigenza che il procedimento elettorale abbia inizio con un provvedimento dotato di stabilità”, ha quindi accolto la domanda di provvedimento cautelare monocratico e ha sospeso provvisoriamente l’efficacia della sentenza appellata.
(Fonte Adnkronos)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Clochard
Roma

Vaticano: clochard allontanati da piazza San Pietro

22 settembre 2017 di Alice Scolamacchia

Gendarmeria vaticana ha allontanato i senzatetto per esigenze di “decoro” pubblico in un luogo frequentato da migliaia di pellegrini e turisti. Il direttore della Sala stampa della Santa Sede: “Questioni di sicurezza”. La sera potranno continuare a dormire sotto portici.