Regione Lombardia: arrestato l’assessore Zambetti, voti comprati dalla ‘Ndrangheta COMMENTA  

Regione Lombardia: arrestato l’assessore Zambetti, voti comprati dalla ‘Ndrangheta COMMENTA  

20121010-092233.jpg

Milano – Ancora guai giudiziari per la giunta Formigoni. Domenico Zambetti (Pdl), 60 anni, assessore della Regione Lombardia, è stato arrestato questa mattina dai carabinieri su disposizione del gip Alessandro Santangelo.

Secondo l’accusa, Zambetti avrebbe comprato per 200mila euro un pacchetto di voti dalla ‘Ndrangheta, precisamente dalle cosche Mancuso della provincia di Vibo Valenzia e i Morabito-Palamara Bruzzaniti di Africo Nuovo.

A finire in manette anche Ambrogio Crespi, fratello del noto sondagista Luigi. Ambrogio Crespi avrebbe rastrellato voti nelle zone periferiche di Milano. Ogni voto veniva pagato, sempre secondo l’accusa, 50,00 euro.

In totale sono una ventina per persone destinatarie di ordinanze di custodia cautelare. Arresti domiciliari per Marco Scalambra, un chirurgo dell’Humanitas, 55 anni, faccendiere del centrodestra.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*