Regole di sicurezza per posta elettronica e allegati COMMENTA  

Regole di sicurezza per posta elettronica e allegati COMMENTA  

La posta elettronica è utilizzata ogni giorno da milioni di persone per la comunicazione personale e aziendale. Comprendere rischi per la sicurezza e-mail e come evitarli è la chiave per aiutare salvaguardare l’utilizzo di posta elettronica.

Informazioni riservate
Quando si inviano informazioni personali come l’indirizzo o numero di telefono, verificare che l’indirizzo di posta elettronica a cui sta inviando appartiene alla persona giusta Le informazioni sensibili quali password, numeri di conti bancari e numeri di previdenza sociale non deve essere inviata via e-mail.


Phishing
Le Truffe chiamato tentativo di “phishing” per ingannare i consumatori a rivelare informazioni di accesso all’account, fingendo di essere una società legittima e l’invio di una e-mail sostenendo che c’è un problema con il proprio account. Verificare sempre con la società che se una e-mail è sospetta.


 

Spazzatura
Non richiesta o e-mail “spazzatura” è anche chiamato “spam”. Installare un filtro anti-spam sul tuo client di posta desktop o utilizzare un provider di webmail di fiducia che fornisce potenti filtri anti-spam per eliminare automaticamente i messaggi dagli spammer conosciuti.

L'articolo prosegue subito dopo


Invio di allegati
Prima di inviare, controllare con il vostro provider e-mail per assicurarsi che il vostro allegato sia conforme ai limiti di dimensione impostati dall’amministratore. Se il documento contiene dati sensibili, è possibile fornire un livello di protezione da prima compressione in un formato diverso (ad esempio,. Zip o. Rar) e che richiedono una password per accedere ai dati.

Ricevere gli allegati
Sempre eseguire una scansione antivirus su un allegato prima di aprirlo. Non aprire mai un allegato da uno spammer o fonte altrimenti non richiesti o sconosciuti. Non aprire mai allegati con estensione. .Exe in quanto ciò potrebbe aprire un virus che possono danneggiare il computer.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*