Renzi a Gerusalemme: antisemitismo mai più

News

Renzi a Gerusalemme: antisemitismo mai più

Con la visita a Gerusalemme, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha voluto esprimere la sua vicinanza a Israele nel delicato momento successivo al nuovo quadro di accordi con l’Iran.
Scelta giusta, quella di Renzi, anche se non è chiaro fino a che punto abbia aiutato il governo israeliano a digerire la sgraditissima mossa della comunità internazionale.
In primo luogo, Renzi ha rimarcato il valore culturale della comunità ebraica, condannando l’antisemitismo. Il messaggio è stato messo per iscritto e affidato al libro dello Yac Vashem:
“La Shoah è parte integrante della nostra identità di italiani ed europei. Abbiamo la responsabilità del ricordo e dell’impegno, giorno dopo giorno, contro l’antisemitismo, vera minaccia per la pace. Mai più! Mai più! Mai più!”.
Molto chiaro, ma non sufficiente a distendere la situazione, visto che in conferenza stampa il premier israeliano Benyamin Netanyahu non è stato affatto accomodante con l’ospite: “L’accordo con l’Iran” ha detto “rappresenta una grande minaccia per Israele, l’Europa e tutto il mondo e metterà Teheran in condizione di avere a disposizione decine di armi atomiche entro 10 anni.

È un cattivo accordo ed è un errore storico”.
Renzi ha ribattuto che, anche se le opinioni di Italia e Israele circa gli accordi con l’Iran sono diverse, “la sicurezza di Israele è la sicurezza dell’Europa e anche la mia: abbiamo un destino comune da condividere”.
L’incontro si è poi chiuso con l’invito a Netanyahu a visitare l’Expo il prossimo mese di agosto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...