Renzi, al voto nel 2018 comunque vada il referendum COMMENTA  

Renzi, al voto nel 2018 comunque vada il referendum COMMENTA  

matteo renzi

L’Italia sarà chiamata al voto politico nel 2018, secondo il presidente del Consiglio Matteo Renzi. L’esito del referendum non avrà alcuna influenza.

Si vota nel 2018 comunque vada il referendum” è stata la dichiarazione di Matteo Renzi. Il premier ha voluto liberare il campo dai dubbi e ha scelto di farlo alla vigilia del vertice con la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande.


“Tutti gli italiani” ha sottolineato Renzi proprio in merito all’incontro di Ventotene, “devono essere orgogliosi che domani, in un luogo simbolo di un grande ideale dell’Europa, la cancelliera Merkel e il presidente Hollande verranno per rilanciare dal basso l’Unione europea”.

Alla Versiliana, Renzi ha voluto anche parlare di migranti, sottolineando che l’Europa ha “bisogno” dei valori dell’Italia.

 “Io lo so che ho perso dei voti” ha proseguito Renzi, “ma quando vedo un bambino che rischia di annegare, la prima cosa che penso è che quel bambino dev’essere salvato”.

Poi, in merito alla situazione dell’economia italiana, Renzi ha ammesso che le cose non vanno benissimo, “E’ ripartito il mercato del lavoro.

Spero di arrivare a fine anno a uno, uno e due di Pil. Ma bisogna far ripartire gli investimenti: è questione di fiducia”.

In chiusura c’è stato anche spazio per ritornare sulla polemica con D’Alema.

L'articolo prosegue subito dopo

Se avesse “messo un decimo del tempo che ha messo per attaccare me per attaccare Berlusconi…”, la provocazione di Renzi. “Se D’Alema vuole fare la battaglia per difendere le poltrone e magari tornare in Parlamento, auguri” ha poi aggiunto il premier, “ma non si utilizzi il referendum per cercare la rivincita al congresso che si farà quando previsto”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*