Renzi e Hollande: una coalizione per combattere l’Is COMMENTA  

Renzi e Hollande: una coalizione per combattere l’Is COMMENTA  

Matteo Renzi e Francois Hollande (Fonte: tg24.sky.it)

Matteo Renzi e Francois Hollande si sono incontrati questa mattina per organizzare una grande coalizione per porre fine alle barbarie dello Stato Islamico. Da Parigi, il Presidente del Consiglio Renzi ha ribadito la vicinanza dell’Italia al popolo francese, ricordando con qualche parola anche la morte di Valeria Solesin, i cui funerali sono stati celebrati martedì.


Secondo il premier italiano, occorre una strategia che non sia solamente militare, ma anche culturale e civile. L’obiettivo è quello di annientare il gruppo terroristico islamico, solamente in questo modo si potrà debellare anche il loro fine della Guerra Santa.

L’obiettivo della coalizione, continua Renzi, è quelli di eliminare Daesh ma non solo con la forza e la violenza. Occorre che la coalizione si allarghi non solo ai Paesi della zona euro, ma occorre un impegno concreto anche dagli altri Paesi, perchè solo con una unità a livello globale si porteranno a casa risultati.


Riguardo all’immigrazione, sia Renzi che Hollande concordano che prima di tutto è obbligatorio fermare le guerre civili che si stanno susseguendo da decenni nelle zone dove l’emigrazione è più alta.

In Libano, in Giordania e in Turchia la popolazione fugge dalla fame e dalle guerre, ma non si deve dimenticare che anche la Grecia sta soffrendo, ma a causa della crisi finanziaria.

L'articolo prosegue subito dopo

Si necessita dunque di un impegno di collaborazione anche con la Turchia, in modo da cooperare per trovare la soluzione ai conflitti.

Sul fronte Siria, si è reso noto che non ci saranno invii di truppe sul territorio ma verranno intensificati i bombardamenti. L’idea è appunto quella di eliminare l’Isis con la sola forza aerea, riducendo le possibilità di perdite di vite umane. E’ probabile che l’Italia appoggi la Francia su alcune delle attività militari, inviando delle truppe.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*