Requisiti ammissione dottorato internazionale COMMENTA  

Requisiti ammissione dottorato internazionale COMMENTA  

Il dottorato internazionale corrisponde al massimo grado di istruzione universitaria ottenibile. Generalmente, la durata del corso di dottorato è di circa tre anni accademici e non sono mai stati istituiti corsi di dottorato superiori ai cinque anni. Al termine di ogni anno, lo studente potrà venire ammesso a quello successivo solo previa relazione favorevole del collegio docenti. L’intero corso di studi invece si conclude solo in seguito alla presentazione di una “tesi di dottorato” discussa all’interno di un’apposita commissione.

L’accesso ai corsi di dottorato si ottiene mediante un concorso a carattere internazionale i cui termini e modalità per la presentazione della domanda vengono indicati in appositi bandi diffusi dalle singole università.


Almeno metà dei posti messi a concorso sono coperti da borse di studio con retribuzione variabile a seconda dell’ente erogante, interno o esterno.

Vi sono dei requisiti che è necessario avere per poter accedere al concorso: prima di tutto bisogna essere in possesso di una laurea riconosciuta in Italia (una Laura del vecchio ordinamento o una magistrale/specialistica) oppure di una laurea straniera equivalente non riconosciuta che verrà esaminata direttamente dalla commissione ai fini dell’ammissione al dottorato ai sensi dell’articolo 6 comma 6 del decreto ministeriale 509 del 3/11/1999.


Altro requisito fondamentale è quello di essere cittadini dell’Unione Europea. Per i cittadini extracomunitari sono comunque previsti dei posti in sovrannumero  all’interno dei concorsi, pari alla metà arrotondata per eccesso dei posti ordinari. Le procedure di ammissione per cittadini comunitari e non sono le stesse salvo che per gli extracomunitari non sono previste borse di studio.

L'articolo prosegue subito dopo


La scelta, nel dettaglio, dei requisiti di ammissione è comunque lasciata alle singole università perciò i bandi possono prevederne di diversi oltre a quelli sopraelencati.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*