Requisiti ISEE per Social Card - Notizie.it
Requisiti ISEE per Social Card
Guide

Requisiti ISEE per Social Card

815 N Isee

La Social Card è una prepagata ricaricabile per fare acquisti e pensata per i più bisognosi. La carta ha cadenza bimestrale e dispone di 40 € mensili (80€ a bimestre). I beneficiari della social card sono i cittadini di nazionalità italiana di età pari o superiore a 65 anni e bambini di età inferiore ai 3 anni; in quest’ultimo caso la carta è intestata all’esercente la patria potestà. Possono richiedere la social card anche i cittadini membri di uno stato UE o loro familiari non aventi la cittadinanza di uno stato membro purché titolari di permesso di soggiorno UE temporaneo o permanente.

I beneficiari della social card devono, però avere determinati requisiti per l’ottenimento del beneficio. Come per il 2014, anche per il 2015 i requisiti prevedono la presentazione dell’ISEE i cui importi del reddito sono stati adeguati all’aggiornamento dei dati Istat.

I requisiti ISEE per Social Card 2015 sono:

  • Per i cittadini di età pari o superiore a 65 anni e per gli esercenti patria podestà per bambini di età inferiore a 3 anni: non godimento di trattamenti dichiarazione ISEE per un importo inferiore a 6 781,76 €;
  • Per i cittadini di età pari o superiore a 70 anni: una dichiarazione ISEE inferiore a 9 042,34 €.

Tutti gli aventi diritti, inoltre, non devono essere – da soli o insieme al coniuge o esercente di patria potestà:

  • intestatari di più di una utenza elettrica domestica;
  • intestatari di più di una utenza elettrica non domestica;
  • intestatari di più di due utenze del gas;
  • proprietari di più di due autoveicoli;
  • proprietari, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
  • proprietari, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili che non siano ad uso abitativo o di categoria catastale C7;
  • titolari di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, (superiore a euro15.000 per gli over 65);

Infine, i beneficiari non devono fruire di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto ricoverato in istituto di cura di lunga degenza o detenuto in istituto di pena.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*