Tutti i requisiti per mettersi in proprio come elettricista

Lavoro

Tutti i requisiti per mettersi in proprio come elettricista

diventare-elettricista

L'elettricista è una figura lavorativa piuttosto ricercata sia nel privato che nel pubblico. Ma come si fa a diventare liberi professionisti del campo?

L’elettricista, nonostante si pensi che si occupa solo di allacciare la corrente o di compiere piccole riparazione elettriche, svolge in realtà anche altre mansioni: ad esempio monta i condizionatori d’aria, si occupa degli allarmi di casa o delle aziende, si preoccupa delle tapparelle elettriche…

Insomma, i compiti dell’elettricista sono numerosi, a tratti piuttosto difficili, tant’è che, se fino a qualche anno fa non era necessario un titolo di studio per diventare elettricista, ora invece ci sono scuole professionali ad hoc.

La maggior parte degli elettricisti lavora per grandi società o aziende già affermate ma se invece volessero mettersi in proprio quali requisiti bisogna possedere?

I requisiti richiesti per essere un’elettricista qualificato sono tutti riassunti nel D.M. 37/2008. Tale decreto spiega che il lavoro di elettricista si colloca nella categoria del lavoro artigiano e che quindi i requisiti richiesti sono ad esempio esperienza, manualità, capacità di intendere e di volere e certificato di studi che attesti il percorso scolastico fatto.

Inoltre dovrete iscrivervi al Registro delle Imprese, aprire una Partita Iva, iscrivervi all’Albo degli Artigiani e dichiarare all’IVS (l’INPS per artigiani e commercianti) che svolgerete attività di lavoro dipendente full time e chiedere la non iscrizione.

Se avete tutti questi requisiti, potete tranquillamente avviare le pratiche per diventare elettricisti indipendenti.

Per ogni informazione e dubbio sarà la Camera di Commercio a rispondere perciò, se siete confusi sul da farsi, non esitate a contattarla. Infine ricordate che, qualora l’iter burocratico dovesse avere risultato positivo e voi doveste ottenere la vostra indipendenza lavorativa, dovrete pensare al POS necessario al pagamento con le carte elettroniche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

nota di ringraziamento
Lavoro

Come scrivere una nota di ringraziamento per il proprio capo

27 maggio 2017 di Notizie

Hai ricevuto una promozione? Hai ricevuto note di apprezzamento? Vuoi ringraziare il tuo capo per l’opportunità che ti ha dato?
Per tutte queste cose, puoi scrivere una nota, un biglietto di ringraziamento per il tuo capo, facendogli sentire la tua presenza e ringraziandolo per l’incoraggiamento e la pazienza che ha avuto con te.

Loading...