Reykjavik, Islanda: come trascorrere una giornata nella capitale

Reykjavik, Islanda: come trascorrere una giornata nella capitale

Viaggi

Reykjavik, Islanda: come trascorrere una giornata nella capitale

Reykjavik è la capitale europea posta più a nord del mondo. Famosa per le sue sorgenti termali a cui i suoi abitanti non rinunciano nemmeno quando le temperature scendono sotto lo zero.

Reykjavik è la Capitale Europea posta più a nord nel mondo. Molto più vicina alla Groenlandia che alla penisola Baltica. Questa vicinanza ne caratterizza ovviamente il clima. Qua infatti la neve non è scontata nemmeno nella stagione estiva. Nonostante questo però la capitale islandese è una cittadina molto movimentata. I suoi abitanti tengono alla loro terra e sopratutto vogliono che chi decide di scoprirla non ne rimanga deluso.

Girando per Reykjavik

Reykjavik è il centro economico, politico e culturale dell’Islanda. Al momento conta 112.000 abitanti, che sono più di un terzo di quelli dell’intera isola. Il suo clima risente della vicinanza al polo nord con temperature medie di 0° in inverno, che possono scendere bruscamente e di 12° nel periodo estivo. Il centro storico della città è molto carino. Pittoresco con le sue casette dipinte di vari colori. All’interno del quartiere storico si può vivere il fervore culturale della città. Sono tante le gallerie d’arte, i musei, bar, ristornati ed altri luoghi di ritrovo che potrete trovare lungo la via Laugavegur.

La via dello shopping di Reykjavik. Gli islandesi sono molto cordiali e ospitali. Dopo l’orario di lavoro troverete i locali del quartiere sempre pieni. Al confine tra vecchio e nuovi quartieri si trova il laghetto di Tjornin. Questo specchio d’acqua ospita numerose specie di uccelli, tra cui i bellissimi cigni reali. Durante la maggior parte dell’anno l’acqua passa allo stato solido per questo il laghetto viene trasformato in una pista da pattinaggio.

Reykjavik

Musei

Il museo più importante dell’intera isola è il Museo Nazionale. Qua potrete scoprire la storia del paese, dal periodo romano fino ai giorni nostri, questo grazie alla presenza di numerosi reperti dei diversi periodi e grazie ad una tecnologia avanzatissima che permette di portare il visitatore nelle diverse epoche storiche. Un altro museo importante è il Museo d’arte di Reykjavik. Nelle sue immense sale si susseguono esposizioni di artisti contemporanei provenienti da tutta l’isola.

L’ultimo museo che dovrete visitare durante un soggiorno a Reykjavik è il 871+-2. Il Museo Archeologico della città. Il nome fa riferimento all’anno di nascita della città e al suo interno, grazie percorsi didattici e multimediali, è possibile conoscere l’evoluzione storica del paese. Un altro Museo interessante è quello di Fotografia. Le sue sale raccolgono più di 5 milioni di immagini dal 1866 fino ad oggi che ritraggono l’intera isola. Inoltre al suo interno vengono organizzate mostre fotografiche di artisti storicizzati e contemporanei. L’ingresso è gratuito.

Chiese

Molto suggestiva per la sua imponenza è la Hallgrimskirkja. La gigantesca Chiesa Luterana della città. Si tratta di uno dei siti più fotografati di Reykjavik. Alle spalle della statua di Leif Eriksson, il vichingo che la leggenda narra abbia fondato la città, si innalza questa grandissima struttura. Il suo campanile è alto poco meno di 75 metri e in cima sono presenti 29 campane di bronzo.

Si può arrivare fino in cima con l’ascensore. Da qui il panorama vi costringerà a scattare qualche altra foto. Dal punto di vista architettonico riveste un importanza fondamentale. La sua struttura viene infatti riconosciuta come modello dello stile Nazionale Basaltico Islandese. Un’altra chiesa che meriterà una visita è quella di Landakotstun. Questa si presenta stilisticamente molto diversa, in netto contrasto con quella di Hallgrimskirkja. Si tratta infatti di un edificio in stile Neoclassico Barocco.

Reykjavik

Architettura del futuro

Lo stile architettonico lineare e pulito è caratteristico dei paesi nord europei. Ma questa linearità è alterata dai materiali utilizzati che danno vita a strutture appariscenti per i giochi che intraprendono con la luce e l’ambiente circostante. Per esempio è il caso dell’edificio dell’opera nazionale islandese. Si tratta di una struttura recente che durante l’anno ospita i concerti dell’orchestra sinfonica islandese ed altri eventi. Il Centro Harpa è interamente rivestito di vetri ed è stato costruito a ridosso di uno specchio d’acqua.

Molto suggestivo è vederlo illuminato durante le ore notturne. Un’altro edificio che ricorderete è il Perlan. Si tratta di un edificio a forma di cupola che si trova sulla collina di Oskjulio. L’edificio ricopre la riserva di acqua calda che rifornisce l’intera città durante l’anno. Si tratta di una struttura polivalente dove vengono organizzati eventi di vario tipo. Al suo interno anche un ristornate di cucina tipica islandese. Costruito di metallo e vetri riesce a catturare l’attenzione grazie non solo alla sua forma e alla sua imponenza ma anche grazie ai giochi di luce.

Reykjavik

Imagine Peace Tower

Il 27 ottobre del 2007, in occasione del 67° compleanno di John Lennon Yoko Ono ha fatto inaugurare la Imagine Peace Tower. Si tratta di un fascio di luce che ogni anno dal 9 ottobre, giorno del compleanno di Lennon, all’8 dicembre, giorno della sua morte, illumina la baia di Reykjavik.

L’opera viene illuminata anche l’ultimo giorno dell’anno e per il solstizio di inverno e quello di primavera come simbolo di pace e felicità.

Reykjavik

La baia dei vapori

Reykjavik è conosciuta in tutto il mondo come “la baia dei vapori“, da questo deriva il suo nome. Si tratta infatti di un territorio ricco di fonti d’acqua termale. Per gli islandesi fare il bagno in una di queste pozze di acqua calda è un appuntamento quotidiano. Infatti per i cittadini di Reykjavik non c’è modo migliore per rilassarsi dopo il lavoro che immergersi in queste acqua a temperature altissime. Sopratutto all’aperto quando fuori la temperatura scende sotto lo zero. Nei pressi dell’aeroporto si trova l’area termale denominata Laugardalslaug, la Laguna Blu. Questo centro termale ospita al suo interno una piscina olimpionica con acqua calda ed altre piscine più piccole. Un bagno turco e numerose vasche all’esterno dove l’acqua raggiunge anche i 44°.

La struttura è aperta ogni giorno fino alle ore 22 per permettere a tutti di usufruire degli effetti benefici di questa pratica.

Il fascino naturale dell’Islanda

L’Islanda racchiude in un territorio tanto piccolo il fascino di ambienti naturali unici al mondo. L’Islanda è un’isola vulcanica è nella sua terra i vulcani attivi sono tantissimi. Gli appassionati delle montagne di fuoco avranno l’imbarazzo della scelta poiché ovunque le loro colate hanno creato paesaggi stupendi e sempre differenti.

Fenomeni vulcanici

La località di Geysir dove è possibile ammirare il fenomeno dei geysir. Buchi nel terreno che sparano verso l’alto colonne di vapore e acqua calda. Poco distanti dalla capitale si trovano la spiaggia di Vik caratterizzata da sabbia di colore nero, di origine vulcanica.

Reykjavik

Le cascate

Sono tante le cascate inserite in contesti ambientali surreali. La cascata Gullfoss si trova a poco più di un’ora di macchina da Reykjavik. Un’imponente flusso d’acqua si getta in una stretto canyon generando un suono che sembra un ruggito. Un pò più distante quella di Skogafoss, la cascata a tenda le cui acque si lanciano a picco fra rocce e verdi colline.

Reykjavik

L’Aurora Boreale

Inoltre non dimenticate che a seconda del periodo che sceglierete per visitare Reykjavik avrete la possibilità di vedere uno degli spettacoli più suggestivi e romantici del pianeta: l’Aurora Boreale. Gli islandesi hanno la fortuna di poter vedere le Northern Light durante tutto l’anno, anche se da settembre ad aprile è più probabile. Queste luci naturali sono imprevedibili quindi la prima condizione per poterle ammirare sono un cielo sereno e il buio totale.

Reykjavik

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche