Riapertura della Fontana di Trevi

Roma, riapertura della Fontana di Trevi

Roma

Roma, riapertura della Fontana di Trevi

Riapertura della Fontana di Trevi
Riapertura della Fontana di Trevi

Trevi torna a splendere dopo 516 giorni di lavori di restauro.

L’ultimo intervento era stato fatto 23 anni fa.

Dopo oltre un anno di complessi lavori di restauro finanziati dalla casa di moda Fendi è tutto pronto per la riapertura della Fontana di Trevi. Venerdì scorso l’acqua è tornata e oggi alle 5 di pomeriggio la fontana settecentesca di Nicola Salvi, uno dei monumenti più amati della Città Eterna, verrà ufficialmente riaperta. L’intervento costato 2’2 milioni di euro è stato realizzato sotto la supervisione tecnico-scientifica della Sovrintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale.

Durante i 516 giorni di lavori di restauro più di tre milioni di visitatori tra turisti e romani hanno potuto ammirare la Fontana di Trevi da una prospettiva unica grazie ad un innovativo ponte panoramico con pannellatura trasparente. Questo intervento ha restaurato il gruppo scultoreo e ha anche comportato la revisione e miglioramento dell’impianto idrico, dell’illuminazione artistica, dei sistemi per l’allontanamento dei volatili e della videosorveglianza.

Il restauro della Fontana di Trevi è stato il fiore all’occhiello del progetto “Fendi for fountains”, un’ambiziosa iniziativa presentata a gennaio 2013 dalla maison di moda volta a preservare il patrimonio culturale romano che ha anche riguardato il complesso delle Quattro Fontane, restituito alla città lo scorso maggio.

Stamattina, mentre gli operai finivano i lavori per la cerimonia di riapertura, i carabinieri della compagnia Roma Centro hanno arrestato due romeni di 22 e 23 anni dopo aver “pescato” 70 euro in monete.

Altre due persone sono riuscite a scappare. Le monete gettate dai turisti nel simbolo per eccellenza della Dolce Vita, al fine di garantire il ritorno a Roma, vengono raccolte una volta a settimana dall’AMA e sono destinate alle spese di manutezione di questo gioiello tardobarocco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche