Riascoltare la propria voce non piace a nessuno. Ecco perchè COMMENTA  

Riascoltare la propria voce non piace a nessuno. Ecco perchè COMMENTA  

Dietro al fastidio nel riescoltare la propria voce registrata c’è una spiegazione scientifica. Quasi tutti quelli che si riascoltano infatti non amano il suono della propria voce e talvolta ci rimangono male. La ragione è molto semplice: quello che percepiamo quando stiamo parlando è differente rispetto a ciò che percepiamo ascoltandoci.


Questo perchè il suono viene percepito attraverso diversi canali: infatti quando ascoltiamo la voce di altre persone o la nostra voce è grazie ad una conduzione aerea che arrivano i suoni; ne consegue che le parole raggiungono prima l’orecchio esterno per poi arrivare ai timpani facendoli cosi vibrare. Le vibrazioni che si originano arrivano al cervello dopo aver attraversato l’orecchio.


Quando invece parliamo il suono viene distorto poichè quello che viene percepito passa anche attraverso una conduzione ossea; dunque il risultato è differente perchè le vibrazioni provocate delle corde vocali raggiungono l’orecchio interno e il cervello attraverso le ossa del cranio.

Migliora così l’efficacia delle basse frequenze con la conseguenza di una voce che risulta più profonda e piacevole da ascoltare.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*