Ricchi e poveri: una pratica che accumunava tutti in passato

Style

Ricchi e poveri: una pratica che accumunava tutti in passato

Ricchi e poveri: una pratica che accumunava tutti in passato
Ricchi e poveri: una pratica che accumunava tutti in passato

Il Medioevo e il Rinascimento hanno lati oscuri e nascosti, non sempre mostrati in televisione e sui media. Si è sempre voluto mostrare eleganza e lusso ma la realtà era molto diversa.

Con l’avvento del Cristianesimo sono iniziate pratiche davvero incredibili in tutte le classi sociali. L’Impero romano aveva influenzato molti aspetti della vita sociale. Si è trattato di un grande impero che non solo era molto esteso, ma che ha portato una cultura e una civiltà ancora presenti oggi. Infatti ai tempi dell’Impero romano, si considerava l’igiene personale di fondamentale importanza per ogni individuo. Non aveva importanza il ceto sociale. Bisogna tener presente che a quei tempi i ceti sociali erano molto pronunciati e si dava loro molta importanza.

Con la decadenza dell’Impero romano le cose cambiarono molto. Il Cristianesimo succeduto a quella che era la cultura romana, volle rompere tutti i ponti con il passato. Per questo motivo, si tralasciarono i costumi e le usanze degli antichi romani. Molti di questi furono considerati peccati, come l’igiene personale. Il Cristianesimo infatti proibì l’igiene personale, considerandola un lusso che favoriva atti peccaminosi.

Il Cristianesimo fu promotore di tante falsi miti e credenze. Si pensava infatti che l’acqua indebolisse il corpo. L’acqua calda, in particolare aumentava il rischio di malattie. Qualcuno pensava che uno strato di sporcizia lungo il corpo servisse a tenere lontani germi e batteri.

Per la stessa ragione si consigliava alle madri di non lavare spesso i bambini. Ma la scarsa igiene fu causa di una elevata mortalità infantile.

Durante gli anni del Cristianesimo era molto diffuso un odore sgradevole fra le persone. E ciò era considerato normale sia fra i ceti abbienti che fra quelli più poveri. Secondo i pregiudizi di allora le donne che si lavavano spesso era considerate donne facili. Per questo motivo la stessa regina Isabella di Castiglia, affermava di essersi lavata solo due volte in tutta la sua vita: appena nata e il giorno in cui doveva sposarsi.

Fortunatamente un aiuto arrivò dal mondo della medicina. Infatti in quel campo si imparava molto anche sui campi di battaglia. Si capì infatti che le ferite dei soldati andavano disinfettate, in quanto potevano essere causa di gravi infezioni. Nel 19° secolo arrivarono sofisticati strumenti chirurgici per la saturazione, bende, antisettici e sistemi di sterilizzazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...