Ricette afrodisiache in cucina

Cucina

Ricette afrodisiache in cucina

Pilaff Bay (Norman Douglas) ha scritto un piccolo e prezioso libro intitolato “La Venere in cucina”, nel quale sono raccolte le sue gustosissime ricette, ideali per risvegliare le passioni primaverili. Tra quelle proposte, eccone tre in particolare, ottime da inserire in pranzetti o cene romantiche.

Risotto nero, per quattro persone. Ingredienti: una grossa cipolla, quattro seppie, mezzo peperone, due spicchi d’aglio, mezzo chilo di riso, mezzo bicchiere di vino bianco, parmigiano, salsa di pomodoro, una noce di burro. Preparazione: pulire bene le seppie mettendo da parte la vescichetta di inchiostro, farle a pezzettini e lasciarle per mezz’ora in acqua fresca. Tritare cipolla, aglio, peperone, soffriggere in una casseruola con olio extravergine di oliva. Indorare la cipolla, unire le seppie e lasciare cuocere finchè non indora. Unire il vino ed il riso e le vesciche col nero di seppia mescolate. Mettere da parte a bollire l’acqua con un po’ di salsa di pomodoro diluita che andrà versata a poco a poco e fatta asciugare finchè il riso non sarà cotto.

Aggiungere infine burro e parmigiano a piacere, a fine cottura.

Omelette al caviale, per due persone. Procurarsi: un cucchiaio di pan grattato, quattro uova fresche, due cipolline, due cucchiai di caviale, scorza di limone e prezzemolo. Preparazione: montare le uova, tritare le cipolline insieme al prezzemolo, mischiare insieme gli altri ingredienti. Mettere in padella sul fuoco con un po’ di burro, poi quando frigge versare il composto in modo che vada a depositarsi sul fondo del recipiente. Rigirare l’omelette e servirla senza arrotolarla, come antipasto.

Ostriche al vino. Ingredienti: burro, ostriche, menta maggiorana, uno spicchio di aglio, cannella, pepe, Malvasia. Preparazione: riscaldare le ostriche nei gusci, aprirle ed estrarre il frutto raccogliendo il liquido in un recipiente. Soffriggere il frutto con aglio e aromi. Poi aggiungere il loro liquido e un bicchiere di malvasia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche