Ricette: zabaione COMMENTA  

Ricette: zabaione COMMENTA  

Lo zabaione è un dolce tipico della cucina italiana che puoi trovare un po’ dappertutto. Per realizzarlo basta avere a disposizione dei tuorli d’uovo, dello zucchero e un po’ di vino.


Lo puoi accompagnare con della frutta fresca, sul gelato, con delle torte o con la pasta sfoglia.

Si tratta di un dolce delizioso, semplice da fare e un modo elegante per terminare ogni pasto.


Lo zabaione può essere servito freddo, come base per altri piatti, come salsa o come mousse tuttavia nella maggior parte dei casi lo si mangia caldo.


Ingredienti per 4 persone:

  • 5 tuorli d’uovo piuttosto grandi
  • 1/4 di tazza (60 ml) di zucchero
  • 1/2 tazza (125 ml) di vino Marsala
  • 1/4 di tazza (60 ml) di vino bianco secco

Se lo si desidera si può aggiungere un cucchiaio di scorza d’arancia, un pizzico di cannella o come piace molto a me dell’estratto di vaniglia.

L'articolo prosegue subito dopo


Procedura:

Usate una padella con un fondo pesante o utilizzate una griglia doppia.

Mettete i tuorli in una ciotola a bagnomaria. Sbatteteli con uno sbattitore elettrico o con una frusta manuale fino a che non assumeranno un colore giallo chiaro e cremoso.

Continuate a lavorare abbassando il fuoco.

Lentamente aggiungete metà del vino Marsala nei tuorli d’uovo e sbattete per un minuto.

A poco a poco aggiungete il resto del Marsala e l’altro vino bianco ed infine l’estratto di vaniglia.

Controllando che la fiamma sia bassa continuare la cottura della crema sempre sbattendola.

Continuate a sbattere per circa 7/8 minuti, fino a quando il composto sarà ben montato, controllate che la crema che cade dalle fruste dello sbattitore sia ben densa.

Controllate continuamente per evitare di cuocere troppo la crema.

Una volta che la crema sarà ben montatela toglietela dal fuoco e frullatela per qualche minuto lontano dal gas.

Trasferite il composto in delle ciotole o in dei bicchierini monodose, decorateli a piacere con panna montata o con cioccolato.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*