Richard Huckle, peggior pedofilo della storia: violentati 200 bambini

News

Richard Huckle, peggior pedofilo della storia: violentati 200 bambini

Richard Huckle, peggior pedofilo della storia: violentati 200 bambini )
Richard Huckle, peggior pedofilo della storia: violentati 200 bambini )

Richard Huckle è considerato il peggior pedofilo della storia. Un molestatore sessuale che è stato condannato e arrestato.

E’ stato arrestato dall’Agenzia Nazionale del Crime dopo una soffiata dalla polizia australiana ed è stato condannato per abusi sessuali nei confronti di bambini mentre era insegnante, fotografo. Un deoto cristiano della Malesia.

E’ stato descritto come il peggiore pedofilo della storia del Regno Unito, nonostante abbia solo 28 anni quando è stato arrrestato e il 6 giugno 2016, ha avuto ben 22 sentenze con una punizione minima di 25 anni prima di essere sottoposto ad interrogatorio.

Il 19 dicembre 2014, in seguito a una Task force Argos, un ramo della polizia del Queensland dell’Australia, responsabile per l’indagine di sfrruttamento e abuso minorile, è stato arrestato dalla polizia londinese all’aeroporto di Gatwick e indagato per una serie di abusi nei confronti dei bambini. All’inizio, ha rifiutato di rispondere alle domande degli ufficiali ed è stato salvato a condizione che restasse a casa dei suoi genitori, mentre la sua macchina fotografica, computer portatile e hard disk sono stati sequestrati.

E’ considerato uno dei peggiori predatori inglesi di sempre.

E’ stato condannato e ha abusato di circa 200 bambini malesi condividendo immagini dei suoi crimini sul web, ha avuto 22 sentenze. I bambini abusati avevano tra i sei mesi e i 12 negli anni tra il 2006 e il 2014. Alcuni dei 23 bambini identificati sono stati abusati per anni, di cui uno a partire dall’età di tre fino a 10 anni.

Il numero delle sue vittime è stato creduto essere molto più alto – gli investigatori hanno trovato un libro mastro e scorecard sul suo computer in cui segnava i voti per diversi tipi di abuso di 191 ragazze e ragazzi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche