Richiesto dalla Procura il fallimento della Palermo Energia COMMENTA  

Richiesto dalla Procura il fallimento della Palermo Energia COMMENTA  

La “Palermo Energia Ambiente Scpa” è una società attualmente in liquidazione, tra i suoi soci principali ci sono l’Amia (a totale partecipazione pubblica, azienda che si occupa dell’igiene ambientale) e il Gruppo Falck, nato nel 2003 con lo scopo di realizzare  il termovalorizzatore a Bellolampo.


Si tratta di un impianto che non è mai stato costruito, a causa di una serie di contenziosi con la Regione: l’azienda ha però speso circa 44 milioni di euro. Il Pm Gery Ferrara sostiene che “la consulenza contabile ha riscontrato numerose anomalie ed evidenziato la sostanziale inattendibilita’ delle scritture contabili della Pea sin dal 2004 e fino all’ultimo bilancio approvato il 31.12.2009”, per cui gli ex amministratori hanno potuto nascondere le perdite attraverso alcuni artifici contabil; tra gli indagati ci sono sette degli ex vertici.


Il 29 marzo la parola passerà ai giudici fallimentari, con lo scopo di valutare e analizzare la richieste della Procura; non si esclude che l’indagine possa ulteriormente allargarsi, portando all’iscrizione per bancarotta, possibile anche per altri soggetti. Secondo la Procura, l’Amia è il socio che potrebbe avere maggiormente risentito dei trucchi nei conti: nei confronti della Pea si trova a credito di oltre 10 milioni di euro.


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*