Ride bene chi...ride de core con Alessandro Serra - Notizie.it

Ride bene chi…ride de core con Alessandro Serra

Cultura

Ride bene chi…ride de core con Alessandro Serra

 

serra

Al Teatro delle Muse il 17 dicembre 2013, alle ore 21:30, salirà sul palcoscenico lo show-man più divertente e spumeggiante dell’anno: Alessandro Serra.

Attore comico e cabarettista è conosciuto per i suoi sketch di attualità e per le sue polemiche sul sociale. Romano de Roma è famoso per la sua spontaneità: Alessandro ha il dono di improvvisare come pochi sanno fare, interagire con il pubblico facendo ridere e… ridere tanto!

Sceglie di volta in volta i temi da trattare; non mancano, inoltre, i riferimenti all’infanzia, alla scuola, al rapporto con le donne, al mondo della televisione, alle vacanze e, soprattutto, al traffico: problematiche che, almeno una volta, ognuno di noi ha dovuto affrontare.

L’obiettivo che Alessandro si prefigge per i suoi spettacoli e a cui adempie con enorme soddisfazione, è di far divertire, soprattutto in questo periodo di “crisi economica”, che coinvolge la maggior parte delle famiglie. Le sue gag, infatti, riflettono esattamente questa parentesi storica, con toni decisamente esilaranti, che sdrammatizzano lo stato in cui si trova la gente comune, ma, allo stesso tempo, fa riflettere sulla condizione in cui verte l’Italia.

Noi lo ricordiamo, sicuramente, per le sue performance a Colorado, con il tormentone delle “domande deficienti”, ironizzando sulle mode, vizi e virtù dell’italiano medio, in un’atmosfera sarcastica e goliardica.

Ma per non dare troppe anticipazioni vi invitiamo a recarvi numerosi al Teatro delle Muse, il 17 dicembre, per assistere ad uno degli spettacoli più divertenti degli ultimi tempi, telefonando al numero 06 44119185 e prenotando, così, la vostra “postazione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

facce
Cultura

Si scrive facce o faccie?

22 ottobre 2017 di Notizie

Per scrivere correttamente i plurali difficili in -cia e -gia occorre ricordare una semplice regola ortografica.