Rifiuti in Campania: la soluzione legislativa ignora la magistratura e la tutela dell?ambiente

Napoli

Rifiuti in Campania: la soluzione legislativa ignora la magistratura e la tutela dell?ambiente

L’emergenza rifiuti in Campania si trascina ormai dal 1994 senza trovare una concreta soluzione. Tale problematica va risolta ovviamente su due fronti, quello legislativo e quello operativo. Il fronte legislativo ha già visto riscuotere il consenso da parte del Senato del decreto legislativo di Bertolaso che indica come sito di trasferenza Ariano Irpino senza tener conto che è ormai a esaurimento e i siti confiscati dalla magistratura; quello operativo consisterà nella reale costruzione di impianti di smaltimento, nell’attivazione di discariche e soprattutto nella difficile opera di convincimento delle popolazioni che si oppongono a tale realizzazione. A tal proposito è palese il dissenso da parte del senatore Mauro Libè, capogruppo Udc ed esponente commissione Ambiente al Senato: “vari sono i passaggi che giudico incostituzionali: dal non rispetto delle leggi che sanciscono la tutela dell’ambiente e la tutela sanitaria alla questione della tariffa che scarica sui cittadini onesti che già pagano i costi di un’emergenza non risolta da chi ha amministrato a lungo la regione ed ora se ne lava le mani”. Una legge quindi che non tiene conto delle leggi sulla tutela ambientale e sanitaria e che non rispetta il ruolo della magistratura.


Segnala questo articolo su:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...