Riforma del Senato, l’opposizione lamenta gravi violazioni del regolamento COMMENTA  

Riforma del Senato, l’opposizione lamenta gravi violazioni del regolamento COMMENTA  

Mentre il governo spinge avanti il Disegno di Legge per la riforma del Senato, ormai noto come DdL Boschi, le opposizioni intendono richiamare l’attenzione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella su alcuni aspetti per nulla secondari dell’iter burocratico in atto.

Leggi anche: DDL Boschi: arriva il si della Camera, testo approvato


Il gruppo composto da M5s, Lega, FI e Sel avrebbe predisposto a questo proposito una lettera, indirizzata appunto al presidente Mattarella, in cui si lamenta in primo luogo “il venir meno del ruolo di arbitro super partes del Presidente del Senato” Pietro Grasso, che, “esprimendosi costantemente a favore delle istanze della maggioranza, ha portato a gravi violazioni del regolamento in merito alla presentazione e votazione degli emendamenti, in particolar modo di quelli sottoposti a voto segreto sulla delicata materia delle minoranze linguistiche, pregiudicando così la corretta gestione dell’Aula”.


Accuse dirette e pesanti all’indirizzo del presidente del Senato Pietro Grasso, che “malgrado sia stata sollecitata ripetutamente e da più parti la convocazione della Giunta del Regolamento”, ”non ha mai acconsentito alla richiesta”. “Il 6 ottobre” prosegue la lettera, “a nome di tutti i gruppi dell’opposizione, abbiamo rinnovato ancora una volta l’invito a concentrare i restanti giorni di discussione su alcuni nodi irrisolti e mai approfonditi con lo scopo di apportare sostanziali miglioramenti al testo, invito ancora una volta ignorato”.


Nel frattempo, la battaglia dei voti prosegue in aula, dove gli scogli delle votazioni anonime sugli emendamenti relativi all’articolo 12 sono stati superati il primo con 143 voti contrari, il secondo con 144.

L'articolo prosegue subito dopo


Francesco Giro, parlamentare di Forza Italia, ha fatto notare che “lo scarto era di 13 voti su entrambi i voti segreti”, aggiungendo che “bastavano 6 voti per pareggiare e 7 erano i verdiniani in aula” e concludendo con l’affermazione pungente che “è nato il governo Verdini-Barani… Renzi”.

Le opposizioni lamentano “il progressivo irrigidimento del governo” nel portare avanti una riforma costituzionale che “ha votato solo la maggioranza” in un clima di “sistematico parere contrario, quasi pregiudiziale su tutte le proposte emendative, tranne quelle frutto di un accordo politico all’interno del Pd”.

Leggi anche

TANTRA.
News

Tantra: significato e sesso tantrico

Cosa intendiamo con la parola "Tantra"? Che cos'è il sesso tantrico? Scopriamo insieme tutti i segreti del sesso tantrico. La parola "Tantra" ha origine dal sanscrito con il significato di dottrina e tecnica e definisce una disciplina indiana che permette di raggiungere l'estasi. Questa tecnica è utilizzata anche per vivere la sessualità al massimo scoprendo sia i poteri dell'energia femminile che quelli dell'energia maschile. Il mondo tantrico permette di credere nell'amore, trovare la bellezza nelle piccole cose e in generale vivere in modo positivo la propria vita. Possiamo parlare di "Sesso Tantrico" quando attraverso il rilassamento e il piacere di Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*