Rimedi contro il mal di viaggio - Notizie.it
Rimedi contro il mal di viaggio
Guide

Rimedi contro il mal di viaggio

Pallore, sudore freddo, senso di nausea. La cinetosi, o “nausea del movimento”, può trasformare il viaggio dei più piccoli in un calvario. Il mal di viaggio è legato ad una particolare sensibilità del centro dell’equilibrio (il vestibolo), che è una piccola struttura localizzata nella parte più interna dell’orecchio. Viene sollecitato dalle vibrazioni e movimenti dei mezzi di trasporto e, poiché è collegato al centro cerebrale del vomito, innesca tutta una serie di disturbi che colpiscono soprattutto le vie digestive. In realtà, con qualche semplice provvedimento si può permettere anche ai piccoli viaggiatori di arrivare in perfetta forma a destinazione.

Nave e automobile sono i mezzi che con maggiore facilità innescano le crisi. Prima regola: mai far partire il piccolo a stomaco vuoto, ma neppure dopo un pasto abbondante. Il menù ideale comprende: fette biscottate con marmellata, qualche biscotto secco, cracker, grissini, oppure una crema di riso densa. I liquidi invece vanno ridotti al minimo: va bene un tè leggero, due dita di acqua o un succo di frutta.

Sconsigliabili invece yogurt e latte, che sono poco digeribili. Per evitare spiacevoli sorprese, si può ricorrere ad appositi braccialetti anti-nausea “naturali”, che sono utili per partire, viaggiare e arrivare a destinazione senza intoppi. Al loro interno ci sono dei piccoli bottoni che vanno a premere proprio sui punti del polso che, secondo l’agopuntura, controllano i sintomi della cinetosi.

Altri trucchi per evitare guai sono: 1) evitare i videogame, perché possono far sentire di più i movimenti dell’auto o i dondolii di aereo e nave. E’ invece utile posizionare l’aria condizionata in macchina sui 22°, poiché l’eccessivo calore nell’abitacolo facilita il vomito; 2) se si viaggia in nave ed il mare non è calmo e piatto, meglio tenere il bambino all’aperto dove c’è una leggera brezza e chiedergli di fissare i punti lontani e non le onde; 3) se comincia ad accusare un po’ di malessere, gli si possono somministrare subito dieci gocce di un rimedio naturale a base di zenzero (come il “Nausex”).

Se il viaggio previsto dura molte ore, o se il bambino ha una cinetosi molto accentuata, meglio proporgli una soluzione più energica in anticipo, ma sempre di natura “dolce”.

“Cocculus indicus” è un rimedio omeopatico specifico per tenere a bada le vertigini accompagnate da nausea. Per i bambini di età inferiore ai sei anni è possibile sciogliere le compresse frantumate in poca acqua a temperatura ambiente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*