Riparare un ombrello COMMENTA  

Riparare un ombrello COMMENTA  

download
La cattiva notizia è che si rompono in fretta, soprattutto quando il vento li gira. La buona è che possono essere riparati con un po’ di pazienza ed un minimo di manualità.

Leggi anche: The Walk, un cammino nell’immaginario

Un po’ di vento e le aste si girano nella posizione sbagliata. Per sistemarle è sufficiente raddrizzarle con poca pressione anche perché, di solito, non sono così spesse da richiedere un grosso sforzo. Se le stecche sono piegate o rotte sono necessarie un paio di pinze. Per chi non si sentisse abile con questo attrezzo, si possono usare un pezzo di appendiabiti di ferro e del nastro adesivo per mettere una “stecca”.
A volte le giunture delle stecche perdono il rivetto che le fissa. In questo caso conviene utilizzare del filo sottile ma robusto. Più volte si riuscirà a farlo passere nel buco e meglio sarà.

Leggi anche: Filo bluetooth tracker: prezzo e caratteristiche

Pinze e taglierino possono essere utili in caso si incastrasse la linguetta nel gancio metallico che tiene aperto l’ombrello o nel caso che questa linguetta si dovesse piegare.

Anche i cappuccetti terminali che collegano il telo possono essere riparati: di solito bastano ago e filo.
Infine, se l’ombrello si dovesse bucare, è sufficiente un toppa di nylon fissata con della colla.

Leggi anche

Guide

Come fare neve finta per vetrine

Natale 2016: neve finta per vetrine negozi e centro commerciali, ecco come ricreare il magico paesaggio innevato natalizio E’ tempo di fare gli acquisti di Natale, tra pochi giorni (-22 giorni) si festeggia il candido e Bianco Natale 2016 e, in questi giorni, siamo alle prese con gli acquisti dei regali e dei doni che vogliamo affettuosamente donare ad una persona cara, un familiare o un conoscente per augurare buone festività. Andando in giro, in questi giorni, possiamo ammirare le bellissime vetrine dei negozi della città e dei centri commerciali tutti perfettamente agghindati e decorati con gli addobbi, luci, decorazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*