Riscaldamento globale: è irreversibile

Ambiente

Riscaldamento globale: è irreversibile

Il pianeta e’ vicinissimo al punto di non ritorno che lo rendera’ caldissimo, e questo e’ il decennio critico e decisivo per i tentativi di contenere le emissioni. Il direttore della Australian National University, Will Steffen, lo ha dichiarato ieri nel corso di un convegno a Londra, annunciando che, pur con molte differenze nelle stime, le temperature globali dovrebbero salire di 6 gradi Celsius entro il 2100, a causa della continua crescita delle emissioni di CO2. I poli e le foreste tropicali sono gia’ spacciate. Per i ghiacci polari – “giganteschi frigoriferi” del mondo – il punto di non ritorno e’ gia’ stato superato: l’Antartide occidentale nello scorso decennio s’e’ gia’ sciolta quasi del tutto, la Groenlandia perde 200 km cubici di ghiaccio all’anno dal 1990. Anche l’Amazzonia si inaridira’, e le morti di massa degli alberi, oltre a smettere di assorbire CO2, ne rilasceranno altra in atmosfera. Nel 2005 le foreste hanno perso 1,6 miliardi di tonnellate di CO2 in capacita’ di assorbimento, nel 2010 di 2,2 miliardi.

Cosa aspettate??? Che ognuno di noi inizi ad agire, e da subito, perché non c’è più tempo da perdere e nemmeno per parlare.

Adesso è il momento di concludere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Chiara Cichero 1240 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.