Tra auricolari, musica e locali gli adolescenti rischiano di perdere l’udito COMMENTA  

Tra auricolari, musica e locali gli adolescenti rischiano di perdere l’udito COMMENTA  

acufene

Cuffiette e una lunga esposizione a luoghi rumorosi porta molti adolescenti a soffrire di Acufene.

Una recente ricerca condotta in Brasile alla facoltà di medicina dell’Università di São Paulo dimostra che gli adolescenti che soffrono di acufene sono sempre di più.

Leggi anche: Acufene rimedi naturali: 3 trattamenti casalinghi

I sintomi di questa malattia sono l’udire nelle orecchie fischi, rombi e tintinniii anche in assenza di rumori esterni. Se trascurata questa malattia può portare anche alla perdita dell’udito.

Leggi anche: Acufene dell’orecchio: cause, sintomi e terapia

La ricerca è stata condotta su 170 giovani che hanno prestato le loro orecchie agli scienziati. Questi le hanno analizzate con l’aiuto di un otoscopio.

Facendo poi domande agli studenti sulle loro abitudini di vita, hanno cercato di capire se c’era una correlazione tra l’esposizione a luoghi rumorosi, o l’ascolto prolungato di musica alta con le cuffie e i casi di acufene.

L'articolo prosegue subito dopo

Hanno scoperto così che più della metà dei ragazzi,  il 54,7%, hanno rilevato i sintomi dell’acufene nell’anno precedente almeno una volta. E 51 di questi individui ha ricordato che l’esperienza è avvenuta in seguito all’esposizione a forti rumori. Tanit Ganz Sanchez, autrice dello studio ha affermato che molti giovani, pur avvertendo i sintomi di questa malattia, spesso non se ne preoccupano. Non si recano dal medico, rischiando così che l’acufene diventi cronico. La donna ha poi aggiunto: “Se questa generazione di adolescenti continua a esporsi a livelli di rumore molto elevati, probabilmente soffrirà di perdita dell’udito a 30 o 40 anni“.

Leggi anche

Terremoto Emilia Romagna
News

Terremoto Emilia Romagna: M 4.0 stamani, gli aggiornamenti

Una ulteriore scossa di terremoto magnitudo 4.0 è stata avvertita in Emilia Romagna poco fa, questa mattina alle 08:21 . Ieri sera un terremoto M 3.7 è stato avvertito proprio in provincia di Teramo, un terremoto con epicentro a Villa Castellana, e con ipocentro profondo 18 km. E poi questa notte, un terremoto in Emilia Romagna con epicentro a Villa Minozzo, Reggio Emilia, e un ipocentro ad 8 km. Questa notte già all'una e dieci una scossa  M 3.1 con epicentro a Fiordimonte, in provincia di Macerata, con ipocentro a 9 km. Terremoto anche questa mattina, in  Emilia Romagna alle Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*