Rischio idrogeologico per 825mila persone in Emilia-Romagna

Bologna

Rischio idrogeologico per 825mila persone in Emilia-Romagna

Gian Vito Graziano, presidente del consiglio nazionale dei geologi, denuncia la situazione dei comuni italiani. Questi i dati emersi dal rapporto dei geologi: sarebbero 6 milioni gli italiani che abitano un territorio ad alto rischio idrogeologico e ben 22 milioni i cittadini che vivono in zone a rischio medio. Solo in Emilia-Romagna 825mila persone vivono in zone a rischio: 313 comuni, circa il 95% in base alle stime emerse dal monitoraggio di Legambiente in collaborazione con la Protezione Civile, un milione in Campania e 500mila in Piemonte, Lombardia e Veneto. Tra l’altro, l’Emila-Romagna è annoverata tra le regioni più franose d’Italia con circa il 20% del territorio collinare e montano occupato da corpi di frana, di cui circa un terzo attivi o riattivatisi negli ultimi 20 anni. Dopo le frane e le alluvioni che hanno colpito il paese nel corso del 2011 Graziano si augura che “quello che e’ accaduto non accada ancora” ma perchè questo si realizzi bisogna che il nuovo anno parta con un programma di prevenzione e di salvaguardia del territorio assolutamente necessario per ridurre i rischi.

Di Alessandra V.

Massagrande

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*