Rischio nucleare, serve logica e cultura scientifica COMMENTA  

Rischio nucleare, serve logica e cultura scientifica COMMENTA  

NuclearRisk-in-perspective_webimageGli americani, ma se è per questo anche tutti gli altri popoli della terra, non dovrebbero sostenere le politiche anti-nucleari. Ancora per diversi anni, almeno per tutta la lunghezza del tempo per cui siamo in grado di fare previsioni attendibili – e quindi per alcuni decenni, almeno fino alla metà di questo secolo  l’energia nucleare rimarrà una parte vitale e fondamentale di un bilancio energetico efficiente e realistico.

Inoltre, in qualità di paladini della ragione e della scienza, spetta alle forze progressiste, in America come altrove, assumersi la responsabilità di evitare reazioni di panico eccessive e del tutto fuori luogo non giustificate dalla cruda realtà scientifica e dall’effettiva dimensione dei rischi che l’energia nucleare comporta per la salute dell’uomo e per l’ambiente.

E’ la tesi presentata da Kevin Makinson, dottorando in fisica delle radiazioni presso la Oregon State University, in uno scritto pubblicato sulla rivista online Progressive Policy Institute.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*