Riso: mercato in controtendenza COMMENTA  

Riso: mercato in controtendenza COMMENTA  

Per quanto riguarda l’andamento del mercato italiano, con 33.344 tonnellate le vendite dei produttori risultano in linea con il trend degli ultimi due mesi. Le transazioni hanno riguardato 13.711 tonnellate di lunghi A, 10.673 tonnellate di lunghi B, 7.907 tonnellate di tondi e 1.053 tonnellate di medi.

La disponibilità risulta collocata al 62,8% a fronte del 70% della scorsa campagna; le vendite attuali risultano in calo di 185.353 tonnellate (-16,3%) rispetto ad un anno fa.

Presso la Borsa merci di Vercelli non si registrano variazioni con Selenio a 325 €/t, Thaibonnet a 275 €/t, Loto (330 €/t), fatta eccezione per la quotazione dell’Arborio che risulta in calo di €10 (365 €/t).
Per il mercato europeo, la Commissione Europea ha rettificato le informazioni, fornite alcune settimane fa, relative all’importazione di riso lavorato in Spagna: il livello complessivo delle richieste di titoli di importazione si attesta a 495.328 tonnellate, base lavorato, facendo segnare un aumento di 30.656 tonnellate (+6,6%) rispetto all’anno scorso. Le importazioni di riso lavorato risultano in aumento del 21%, mentre le importazioni di riso semigreggio evidenziano un calo del 6,1%. Sul fronte dell’export, la situazione rimane stabile, con un calo di 12.894 tonnellate (-10,9%) rispetto ad un anno fa ed un volume globale di 105.111 tonnellate, base lavorato.

Thailandia: le esportazioni del 2012 risultano in calo del 54% rispetto al 2011. La novità più significativa è rappresentata dall’evoluzione del programma di acquisto all’intervento che, al momento, dispone di uno stock complessivo di circa 10 milioni di tonnellate. Per effetto di questa strategia i prezzi si collocano ad un livello superiore rispetto alla concorrenza pakistana, indiana e vietnamita, tuttavia, le quotazioni dovrebbero risultare ancora più alte per riflettere il prezzo di acquisto all’intervento del risone.

L'articolo prosegue subito dopo

Vietnam: sembrano poco fondate le voci circa la vendita di 2 milioni di tonnellate di riso alla Cina nel 2012, considerato che il raccolto cinese del 2012 dovrebbe risultare più abbondante di quello del 2011, passando da 137 a 140,5 milioni di tonnellate, base lavorato. Il Ministro vietnamita dell’industria e del commercio ha confermato che le importazioni di riso dalla Cambogia potranno essere effettuate in esenzione di dazio fino a tutto il 2013.
Pakistan: sul mercato pakistano si registrano nuovi accordi commerciali con Cina, Iran e Africa Orientale. Gli analisti prevedono che il mercato rimarrà stabile con tendenza al rafforzamento prima del 20 luglio quando inizierà il Ramadan.
USA: il mercato del riso Long grain continua a registrare una scarsa domanda estera; in particolare si registra che le forniture all’Iraq sono fuori dalla portata dell’industria statunitense sia per una questione di prezzo sia per una questione di qualità. Per quanto riguarda il mercato del Medium grain, l’industria dispone di ordinativi che la terrà impegnata per i prossimi due mesi. Il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense stima che le semine del 2012 saranno inferiori del 5% rispetto a quelle già basse del 2011, con un incremento del 4% per il riso Long grain ed un calo del 24% per il riso Medium grain.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*