Risparmio: verrà applicato lo stesso prelievo a milionari e piccoli risparmiatori COMMENTA  

Risparmio: verrà applicato lo stesso prelievo a milionari e piccoli risparmiatori COMMENTA  

Approvata in sordina con la manovra di fine anno e poi quasi dimenticata, la  «patrimonialina», il prelievo che verrà applicato sui rendiconti annuali di tutti gli investimenti, sta per arrivare , e con essa tutta una serie di polemiche, in quanto la misura in questione sembra essere lontanissima dal principio dell’equità.

Leggi anche: Migliori software per fare fatturazione elettronica


Il motivo è presto spiegato:  poco importa se il vostro conto corrente è quello di un milionario o se avete deciso di “investire” cinquecento euro in un fondo comune obbligazionario: per l’anno in corso pagherete al Fisco un bollo che ammonta a 34,20 euro.

Leggi anche: Pirellone: l’affitto breve ha finalmente il suo codice


Non ci vuole una laurea in economia e commercio, per capire che nel caso dei 500 euro investiti nel fondo, la cifra di 34,20 euro rappresenta ben il 7% del capitale.


Una tassa che colpisce  principalmente i piccoli risparmiatori, o meglio i piccoli risparmiatori che decidono di prendersi qualche piccolo rischio. Vediamo perché.

Chi  non vuole prendersi rischi (a parte quello dell’inflazione) e decide di lasciare i propri risparmi sul conto corrente bancario o postale continuerà a pagare, come è sempre stato, il bollo da 34,20 euro (va però detto che, i conti con giacenza media di 5 mila euro di potranno godere dell’esenzione del bollo).

Chi invece decide di prendersi qualche rischio, scegliendo un conto di deposito, azioni, bond, fondi comuni, polizze unit linked e similari  pagherà d’ora in poi una patrimoniale sul valore del suo capitale alla fine di ogni anno pari all’un per mille nel 2012 e all’1,5 per mille dal 2013 in poi. Nessuna esenzione per gli importi bassi. Su quest’ultimi l’aliquota incide in una misura chiaramente maggiore; infatti la «patrimonialina» impone un’aliquota ben più elevata dell’1 per mille a tutti gli investimenti inferiori a 34.200 euro (nel 2012) e a22.800 dal 2013 in poi, quando il prelievo salirà all’1,5 per mille.

L'articolo prosegue subito dopo


Alberto Foà, presidente di AcomeA, sgr indipendente, fa notare: «L’80% dei clienti che hanno fondi, circa 6 milioni di persone, possiede quote per meno di a 22.800 euro.  Se il piccolo azionista o fondista o acquirente di Btp non si accorgerà da solo del salasso (o non verrà avvisato da qualche consulente allo sportello) nel 2012 pagherà. E poi – dal 2013 potrebbe anche decidere, perché no, di rimettere i soldi sul conto corrente o sul Banco Posta. In caso di capitali molto ridotti, infatti, il prelievo così concepito può annullare e sovrastare eventuali rendimenti: a che pro investire? Tanto vale tornare liquidi».

 

Francesca

 

 

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*