Roberta Bruzzone furiosa: querele via Twitter - Notizie.it

Roberta Bruzzone furiosa: querele via Twitter

Cultura

Roberta Bruzzone furiosa: querele via Twitter

Roberta Bruzzone furiosa: minaccia querele via Twitter. “Chissà se ciò che le stanno preparando i miei legali lo troverà divertente” sono le parole di Roberta Bruzzone via Twitter, con l’intenzione di querelare Virginia Raffaele dopo la sua performance-imitazione nella trasmissione serale di ‘Amici’ sabato scorso.
La criminologa ha poi dato altre spiegazioni comunicando alla stampa”E’ una rappresentazione becera, volgare, gratuita, sguaiata, una bagascia vestita in modo improponibile. Io non vado in tv a sculettare”.
I seguito attacca poi, Amici di Maria De Filippi dicendo “Mai guardato e non credo che ricapiterà. Non ho di certo bisogno della loro pubblicità”, e Selvaggia Lucarelli: “Non so cosa faccia nella vita, non mi interessa proprio quello che dice”.
Infine conferma di voler presentare querela contro Virginia Raffaele: “Deve esserci un limite, questa non è satira. Siamo tornati indietro di 30 anni”.

Questo è quanto successo dopo la trasmissione di Amici con Maria de Filippi, sabato scorso in cui Virginia Raffaele si è esibita imitando Roberta Bruzzone in maniera provocatoria e volgare.

“Bagascia vestina in modo improponibile”, queste le parole della criminologa dopo l’imitazione che attacca furiosa Virginia Raffaele.

“Leggo che la Bruzzone, in un tweet, lascia intendere di aver scomodato il suo favoloso team di legali per bastonare Virginia Raffaele che ha osato farne una parodia (divertente) ad Amici” queste le parole di Selvaggia Lucarelli via Facebook, aggiunge poi, “Nella vita ho ricevuto un po’ di querele, alcune neanche le ricordo o non le ho mai sapute perchè finiscono archiviate e tanti saluti, ma la lettera dell’avvocato della Bruzzone per un mio servizio su Sky me la ricordo bene. Spiccava. Non solo per la pretestuosità degli argomenti (era un servizio innocuo e fu l’unica tra 100 servizi a offendersi), ma perchè inviò copia al Ministero delle pari opportunità per accusarmi di sessismo. AL MINISTERO DELLE PARI OPPORTUNITA’. (che come immaginerete s’è occupato della cosa. Come no.) Ora, a parte che scomodare i tribunali per una parodia fa più ridere della parodia stessa, io al posto della Bruzzone della parodia sarei ben felice.

La Raffaele è ben più simpatica e gnocca di lei. (tanto il ministero delle pari opportunità è stato abolito, magari scriverà alla Boldrini)”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche