Roberta Ragusa, nuovi indizi puntano al cimitero. Forse la donna è sepolta lì

Cronaca

Roberta Ragusa, nuovi indizi puntano al cimitero. Forse la donna è sepolta lì

PISA – A cinque mesi dalla sparizione, il mistero sulla sorte di Roberta Ragusa, l’imprenditrice 45enne scomparsa a Gello (Pi) nella notte tra il 13 e il 14 gennaio, potrebbe essere ad una svolta.

La task force dei consulenti dell’Associazione Per Roberta, composta dalla criminologa Imma Giuliani, lo psicologo Fabrizio Mignacca e gli avvocati Giuseppe Di Biasi e Carmen Stizzo, ha consegnato ieri al magistrato Aldo Mantovani un dossier nel quale emergerebbe una clamorosa teoria. Il fascicolo, avvalendosi delle testimonianze ritenute attendibili di una decina di amici di Roberta, indicherebbe il cimitero del paese, a pochi minuti dall’abitazione della Ragusa, come il luogo in cui si dovrebbero concentrare le ricerche. «Cercatela lì, Roberta Ragusa, gli indizi ci sono».

Il più importante riguarderebbe il terreno del cimitero, che risultava intatto prima della scomparsa della donna, per poi risultare smosso come «se qualcuno avesse scavato». Inoltre, sul luogo sarebbero stati rinvenuti alcuni indumenti che, sempre secondo i conoscenti della Ragusa, potrebbero appartenere proprio alla donna.

Nel dossier si parlerebbe anche di una violenta lite della Ragusa e il suocero Aldemaro Logli, ipotizzando che la donna avesse intuito la relazione del marito Antonio Logli con Sara Calzolaio, la 28enne segretaria della scuola di guida di cui la Ragusa era titolare

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...