ROBERTO VECCHIONI in concerto per TELETHON: “I colori del buio” Lunedì 5 novembre 2012

Musica

ROBERTO VECCHIONI in concerto per TELETHON: “I colori del buio” Lunedì 5 novembre 2012

Lunedì 5 novembre 2012
Auditorium di Milano ore 21.00

Organizzato dalle società di Milano di BNP Paribas e da BNL.

“I colori del buio” è il titolo del concerto che Roberto Vecchioni proporrà lunedì 5 novembre, alle ore 21 all’Auditorium di Milano di Largo Mahler, in una serata dedicata alla raccolta fondi per Telethon, organizzata dalle società di Milano del Gruppo BNP Paribas e da BNL.

I biglietti del concerto sono disponibili nelle Agenzie BNL di Milano e all’Auditorium (tel. 02/83389201-2).

BNL – Gruppo BNP Paribas da oltre 20 anni, condivide valori e missione della Fondazione Telethon e la affianca nel garantire alla ricerca sulle malattie genetiche risorse per finanziare i migliori progetti e i ricercatori più meritevoli. Una proficua collaborazione che ha permesso dal 1992 di raccogliere complessivamente 223 milioni di euro. Solo nel 2011 BNL ha raccolto 11,6 milioni di euro, grazie ai dipendenti della Banca e delle altre società del Gruppo BNP Paribas in Italia, impegnati volontariamente nell’organizzazione di eventi su tutto il territorio, e al contributo continuo di donazioni da parte di clienti e non.

Cifre che hanno contribuito a far avanzare la ricerca su centinaia di malattie genetiche, molte delle quali gravi e ancora senza una terapia efficace.

Per ulteriori informazioni sulle attività di Telethon e sulla raccolta BNL: telethon.it; telethon.bnl.it.

Grazie a BNL, è possibile sostenere Telethon tutto l’anno. La Banca mette a disposizione di coloro che vogliano fare donazioni gli sportelli delle agenzie e, per i clienti, tutti i suoi ATM, il canale telefonico (numero verde 800900900 o +390687408740 dall’estero o dai cellulari) e quello on line (bnl.it). La presenza di BNL sul web si estende ulteriormente grazie all’iniziativa BNL in Action (bnlinaction.it): un progetto nato con l’obiettivo di portare l’impegno per la raccolta fondi a favore di Telethon verso il target dei giovani e, più in generale, di tutti coloro che utilizzano i social network. In questo modo, ognuno ha la possibilità di donare il proprio contributo attraverso una modalità indiretta: scrivendo un messaggio nell’apposito form e condividendolo su Facebook o Twitter.

BNL destina 1 euro a Telethon per ogni post condiviso. Il sito dà, inoltre, la possibilità a tutti di effettuare donazioni online, tramite carta di credito.

Riferimenti per la stampa
Ufficio stampa Evento – Media Relations BNP Paribas IP
Enrico Donzelli – tel. 348 4404544 – email: enrico.donzelli@bnpparibas.com

Ufficio Stampa Roberto Vecchioni:
Maria Grazia Bevilacqua – tel. 333.3059180 – email: mgbevilacqua.lilliput@gmail.com

PRESENTAZIONE ARTISTICA DELLO SPETTACOLO

ROBERTO VECCHIONI

“I colori del buio”

“I colori del buio Tour 2012”, prodotto da Live Nation Italia, è partito lo scorso 13 aprile toccando i più grandi teatri italiani e, nell’estate appena conclusa, le principali rassegne musicali. Trenta concerti all’insegna del tutto esaurito.
Lo spettacolo vede Vecchioni accompagnato da una band di 5 elementi e ripercorre gli oltre 40 anni della sua incredibile carriera tramite i grandi classici del suo repertorio

Il tour, come detto, ha fatto seguito alla pubblicazione del doppio album “I colori del buio”, pubblicato alla fine dello scorso novembre.

Si tratta della prima antologia ufficiale di Vecchioni, raccolta composta di 30 brani scelti personalmente dal professore, dei due inediti I colori del buio e Un lungo addio e da una straordinaria versione di Luci a San Siro in duetto con Mina

Così Vecchioni descrive la nuova raccolta: “Per questo “Best Of” ho scelto i brani personalmente, cercando di mettere insieme tre anime musicali diverse solo in apparenza: la sinfonica, la cantautorale e quella jazz. Uno dei due inediti è per una figlia, che, com’è giusto, se ne va per la sua strada. L’altro, da cui l’album prende il titolo, è un miscuglio di andate e ritorni nel tempo fra dolori e gioie che sono i “colori” per cui vale, eccome se vale, la pena di vivere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche