Roland Garros, finisce il sogno di Sara Errani. La cronaca della partita COMMENTA  

Roland Garros, finisce il sogno di Sara Errani. La cronaca della partita COMMENTA  

Parigi – Peccato, Sara non ce l’ha fatta. Non si può dire che non ci abbia provato, cercando di opporsi a quella fuoriclasse che risponde al nome di Maria Sharapova, al momento la numero 1 del mondo, ranking che occuperà di diritto a partire da lunedì. La russa ha avuto la meglio in due set (6-3, 6-2) in 90 minuti di partita.


I pronostici, ovviamente, erano tutti per la russa, vincitrice nel 2011 e nel 2012 degli Internazionali d’Italia e che negli ultimi tempi ha dato il meglio di sé sulla terra rossa. La 25enne romagnola, però, in questo Roland Garros è partita da outsider e si è divertita a sovvertire tutti i pronostici con  Angelique Kerber e Samantha Stosur, presentandosi oggi sul campo come campionessa di doppio dell’Open francese, titolo vinto con Roberta Vinci proprio ieri.


La partenza del primo set è un incubo per l’azzurra, sotto di 0-4 in neanche un quarto d’ora di gioco. In questo frangente la Sharapova mostra di essere al momento la tennista più forte al mondo, conciliando potenza e precisione, trovando quasi sempre le linee, concedendo qualcosa solo con doppi falli. La romagnola può solo fare da sparring. Si teme una finale a senso unico, magari condizionata dalla fatica patita dalla Errani ieri nella finale del doppio, ma la grinta della tennista azzurra viene fuori: prima conquista un break portandosi sul 1-4, poi, al servizio, si aggiudica il sesto game. Il match si fa più combattuto, con l’italiana che cerca di far correre l’avversaria per sopperire allo strapotere fisico della giocatrice dell’est, anche se la Sharapova dimostra di avere comunque una marcia in più. Il set termina 6-3 per la russa, che però si rende conto che non sarà una passeggiata come sembrava all’inizio.


Il secondo set si apre con la Errani al servizio ed una Sharapova mostruosa, la quale conquista subito il primo break non concedendo neanche un punto, per poi vincere anche il secondo game. Al terzo game la Errani si riprende e si porta sul 1-2, sfiorando il pareggio al quarto. La Sharapova, poi, si porta sul 4-1, ma la Errani, nonostante il punteggio netto, rimane concentrata e ribatte palla su palla alla giocatrice russa, che ha la meglio solo ai vantaggi. La Errani, dunque, non si arrende e strappa il servizio alla russa portandosi sul 2-4. L’euforia dura pochissimo, perché nel settimo game gioca solo la russa, che si va a prendere il break del 5-2 e serve per il match. Sara non molla fino alla fine, annulla il match point. Ai vantaggi Sara lotta come una leonessa, annulla altri due match point, anche se alla fine, con un banale errore, consegna il titolo alla racchetta di Maria Sharapova, che vince per la prima volta in carriera un Roland Garros e completa i suoi successi nei grandi slam.

L'articolo prosegue subito dopo


Per la Errani il sogno finisce, ma gli applausi del pubblico del Philippe Chatrier testimoniano la grandezza della giovane atleta, dalla settimana prossima numero 10 del ranking.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*