Roma: 11 milioni per Casa Pound COMMENTA  

Roma: 11 milioni per Casa Pound COMMENTA  

Alla vigilia del 25 Aprile, spunta nel bilancio della giunta di Roma l’acquisto di alcuni locali in via Napoleone III occupati dall’associazione fascista Casa Pound. La notizia genera, ovviamente, scandalo.


“E’ un’aberrazione, una follia e una provocazione”- tuona il segretario romano del Pd Marco Miccoli – “in un bilancio di lacrime e sangue, che contempla ad esempio la vendita del 21% di Acea per ricavare 200 milioni di euro, se ne spendono 11 per acquistare e donare un palazzo all’associazione fascista capitanata da Iannone “.

Miccoli continua: “Stiamo parlando di una cifra enorme dentro un bilancio che taglia i servizi, taglia il sociale, non si occupa della crescita e dello sviluppo, aumenta le tariffe, vende Acea…

ma compra Casapound! E poi ci si lamenta se gli antifascisti romani accusano il sindaco di essere ambiguo sul suo modo di essere antifascista”.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*