Roma: aggressioni a Casapound. Nei guai studenti e centri sociali della città

Cronaca

Roma: aggressioni a Casapound. Nei guai studenti e centri sociali della città

Roma

Al momento gli indagati per le aggressioni a Casapound sono 13, tra cui 9 obblighi di firma e 4 arresti domiciliari. Ecco in dettaglio cosa è successo.

Roma, città dove è accaduta l’aggressione anche se alcuni esponenti del gruppo di sinistra autore dell’attacco sono già riusciti a fuggire all’estero e non sono ancora stati rintracciati.

I fatti però risalgono al Maggio 2016, quando gli estremisti di destra avevano indetto una manifestazione e gli studenti avevano risposto con una contromanifestazione, come avviene sempre in questi casi. Alcuni dei ragazzi di destra sono stati attaccati intanto che transitavano in moto in zona Cavour, all’altezza della fermata della metropolitana.

Gli antagonisti, partiti da Piazza dell’Esquilino con l’intento di giungere in Piazza Tiburtino, avevano colpito anche un furgoncino su cui stavano viaggiano dei turisti tedeschi, i quali hanno subito gravi danni sia fisici che al mezzo.

Le indagini, condotte dal dr.

Eugenio Albamonte della Procura di Roma, hanno portato all’arresto e messo sotto inchiesta alcuni tra gli esponenti più radicali e conosciuti dei gruppi autonomi e del collettivo de “La Sapienza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...