Roma e il decentramento amministrativo:misteri di un bilancio senza la voce “entrata COMMENTA  

Roma e il decentramento amministrativo:misteri di un bilancio senza la voce “entrata COMMENTA  

Roma Capitale si prepara all’approvazione del bilancio  in maniera ombrosa, per non  dire sospetta, tanto da suscitare forti dubbi sul fine reale del decentramento , vantaggi, svantaggi, fruitori, vittime, attori protagonisti e non.  I Municipi hanno ricevuto il Regolamento speciale del Decentramento Amministrativo, che disciplina l’attribuzione delle competenze nel rispetto dello Statuto. Esso stabilisce che  “sono assicurate al Municipio adeguate risorse umane , finanziare e strumentali , la cui entità è determinata dalla Giunta Comunale su proposta della Giunta del Municipio, in misura idonea a garantire l’autonoma gestione delle attività da parte del Municipio” In questo scenario, la giunta avrà il compito di coordinare e garantire i livelli di prestazione nel territorio”. In caso di “esercizio difforme dagli atti di indirizzo o di coordinamento della Giunta, il Sindaco assegna al Municipio un termine perentorio per provvedere ed adeguarsi, decorso il quale affida agli organi ed uffici centrali, secondo le rispettive competenze, i poteri sostitutivi previsti dallo Statuto e dal regolamento generale del decentramento amministrativo”. ” Per esigenze straordinarie invece le  competenze potranno essere esercitate dalla Giunta Comunale ,sulla base di una propria Deliberazione che stabilisca oggetto e durata di tale esercizio e per la cui approvazione sono preventivamente acquisiti i pareri della Commissione Consiliare Comunale sul decentramento nonchè del Consiglio del Municipio. E qui casca l’asino! Tanto per cominciare  la data  dell’approvazione del bilancio è stata spostata a giugno , ma soprattutto non riporta voci relative alle entrate, o per lo meno risultano ridicole.

Leggi anche: Giovane senzatetto avvistata a Roma non è Maddie McCann

Per cui l’art 2( risorse finanziare) punto 1 ” I l Municipio, in conformità alle disposizioni del regolamento comunale di contabilità, propone annualmente alla Giunta Comunale, entro i termini da queste fissati, le previsioni di bilancio di propria competenza” lascia nel dubbio amletico quanti sanno che al bilancio manca la voce più importante. Le perplessità crescono ulteriormente alla lettura del secondo punto: “Verificata la compatibilità di bilancio ( quale e da parte di chi?,l’ordinamento per istituire un ufficio delle entrate esiste solo a Ostia, come progetto pilota, verrà creato forse un nuovo ente? a spese di chi? saranno spostati gli impiegati municipali da un settore o da un ufficio all’altro?), annualmente la Giunta Comunale determina la percentuale delle maggiori entrate tributarie ed extratributarie accertate e riscosse nel Municipio rispetto all’esercizio precedente, da attribuire al Municipio stesso”Non tutti sanno che Roma Capitale vive di tasse sul turismo e proventi statali, da dove dovrebbero piovere le altre entrate ? Bah!  Gli interrogativi sono tanti, ad esempio ci si chiede a : A cosa è dovuto lo slittamento della data?,  forse si tratta di ritardom intenzionale  foriero di una qualche voce di “entrata” particolarmente succulenta.

Leggi anche: Roma: vandalismo su statue ed elefantino

Non ci è dato di sapere ad oggi, certo che in tutto ciò pare esserci lo zampino di  Alemanno e, magari di un  Caltagirone .Se analizziamo il lungo dossier (13 pagine )troviamo voci relative alle spese per aree verdi e parchi, servizi sociali, sport-cultura-tempo libero,piani territoriali ed urbanistici, demanio-patrimonio e locazioni passive, attività scolastiche e parascolastiche, lavori pubblici, forniture di beni e servizi; le entrate deriverebbero invece da attività produttive-commerciali e di servizi( gestione mercatini, servizi ispettivi ecc) e sponsorizzazioni ( eventi teatrali, visite giudate ecc). In realtà sembrano un pò scarse come risorse, ma qualcosa verrà fuori dal cilindro, o forse no ? Dulcis in fundo l’art 18( norma transitoria) contribuisce  definitivamente a creare il caos in coloro che pensavano di avere una risposta agli interrogativi precedenti “Fino all’assegnazione delle risorse umane, finanziarie e strumentali, necessarie all’esercizio delle competenze attribuite con il presente regolamento, gli uffici centrali assicurano l’attuazione delle deliberazioni adottate dagli organi municipali nelle materie di cui all’art.3 del presente regolamento.

La commissione Speciale Decentramento continuerà la sua attività per il controllo dell’attuazione della presente deliberazione” Che significa? Nascerà un nuovo ente? I poveri impiegati in tutto ciò brancolano nel buio

Leggi anche

senzatetto-riconosciuta-a-roma
Roma

Giovane senzatetto avvistata a Roma non è Maddie McCann

Se n'è parlato tutto il giorno e poche ore fa finalmente il mistero è stato risolto. Il padre della giovane senzatetto che per molti assomigliava a Madeleine McCann, la bimba scomparsa in Portogallo nel 2007, ha riconosciuto la giovane; ma la sua identità non è quella di Madeleine: si tratta di Embla Jauhojärvi, una ragazza svedese di 21 anni che il padre ha spiegato soffrire della sindrome di Asperger. La giovane è stata fermata tra le strade del cento storico di Roma da diversi giornalisti, dopo che si era sparsa la voce della sua somiglianza con la bambina scomparsa nel Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*