Roma-Juventus, probabili formazioni Serie A 2 marzo 2015

Calcio

Roma-Juventus, probabili formazioni Serie A 2 marzo 2015

roma-juventus

Roma-Juventus: le probabili formazioni.

Garcia lascia a casa Doumbia, Allegri Sturaro.

Roma-Juventus inizierà questa sera come tutte le altre gare di giornata con 15 minuti di ritardo e quindi alle ore 21:00, anzichè alle 20:45.

I due tecnici così come le due tifoserie contano non le ore, ma i minuti che mancano al fischio d’inizio.

Garcia ha deciso di non convocare Doumbia ancora fuori forma e si porta dietro fino all’ultimo momento pochi, ma importanti dubbi. Il primo riguarda chi schierare come terzino destro vista il perdurare dell’assenza di Maicon, tra Florenzi acciaccato e il greco Torosidis, l’altro chi affiancare a Manolas, tra Astori e Yanga-Mbiwa. Per il resto la formazione sembra fatta dal centrocampo in su, con Totti che cerca il 10° sigillo in campionato contro la Juventus della sua storia.

Allegri lascia a casa Sturaro per un leggero trauma distorsivo al ginocchio.

Assenza pesante quella di Pirlo, che ne avrà ancora per una ventina di giorni, mentre ha recuperato il cileno Vidal. Solito dubbio che attanaglia il tecnico è quello del partner d’attacco da affiancare a Tevez, questa volta sembra favorito Llorente, perchè Morata dopo la splendida performance in Champions condita dal goal vittoria, potrebbe essere stanco e quindi meritevole di riposo.

All’andata la gara si chiuse con uno spettacolare quanto discusso 3-2 per gli juventini. L’arbitro designato per il big match è Orsato di Schio.

Le Probabili Formazioni:

Roma (4-2-3-1): De Sanctis; Torosidis, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas; Nainggolan, De Rossi; Ljajic, Pjanic, Gervinho; Totti. All. Garcia.

Juventus (3-5-2): Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Marchisio, Pereyra, Evra; Tevez, Llorente. All. Allegri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Patrizio Annunziata 922 Articoli
Vivere di calcio e sport con passione cercando sempre di essere imparziale e raccontare solo e senza mezzi termini la pura realtà dei fatti per rendere un servizio degno ai lettori.