Roma, movimenti e scontri in piazza COMMENTA  

Roma, movimenti e scontri in piazza COMMENTA  

201459587-c1fed373-5396-4f0a-aaf1-c951a1ad94f4

Ieri pomeriggio intorno alle 17 sfila per le strade della Capitale il corteo dei movimenti per il diritto alla casa. Partito da Porta Pia, il corteo arriva senza intoppi in piazza Barberini. Ad un certo punto, il percorso devia verso Via Vittorio Veneto, dove i manifestanti intendono inscenare l’assedio verso i “palazzi del potere”, nello specifico il Ministero del Lavoro. Alla testa del corteo si intrufolano persone incappucciate e con indosso felpe scure, forse un centinaio. Arrivano a pochi metri dalle forze dell’ordine e fanno esplodere quattro bombe carta. Di tanto in tanto lanciano uova, frutta, bottiglie di vetro contro il cordone di polizia, sventolando la bandiera di “Autonomia Contropotere”.


A questi, poco dopo, si aggiungono i Blue Block, una cinquantina di persone vestite di azzurro che lanciano ogni cosa che trovano sul percorso. La polizia comincia a caricare, la strada diventa un campo di battaglia, ci sono feriti, arrivano i soccorsi.

Il corteo riprende a camminare ordinato verso via Nazionale e la Stazione Termini. Si torna a Porta Pia, sono circa le sette di sera. I manifestanti pacifici si riprendono la piazza, chiedendo casa, reddito, dignità.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*