Roma-Napoli: precedenti e probabili formazioni - Notizie.it
Roma-Napoli: precedenti e probabili formazioni
Calcio

Roma-Napoli: precedenti e probabili formazioni

All’andata la partita segnò l’apogeo della stagione romanista: il netto 3-0 del San Paolo arrivò in un periodo, quello pre-natalizio, che aveva illuso tutti. Oggi la situazione si è ribaltata: Luis Enrique sta per ammainare bandiera, la società si pone i primi interrogativi su un progetto iniziato malissimo e la squadra sembra allo sbando. Poteva essere uno scontro diretto, ed invece ad avere tutto da perdere è solo il Napoli.

Roma: il tracollo dello Juventus Stadium è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Anche se nessuno in società lo ammette quella sera sono comparsi i primi dubbi sulla gestione tecnica del giovane allenatore asturiano e sulla sua capacità di farsi capire da un gruppo che forse non varrà i primi tre posti ma neppure può assestarsi sui numeri da brivido che si trascinano da sette mesi. E lo stesso Luis deve avere capito che il giro del fumo è cambiato, come denota il suo inconsueto nervosismo deflagrato anche nella conferenza della vigilia con il primo, vero attacco alla squadra.

Eppure, paradossalmente, una vittoria potrebbe fare risbocciare le speranze di terzo posto. Contro il Napoli però “Lucho” non disdegna il solito giocatore fuori ruolo ed allora ecco Marquinho terzino sinistro al posto del disastroso Josè Angel. Ma ci sarà anche da pagare lo scotto del nervosismo dilagante: fuori infatti per squalifica non solo Lamela ma pure De Rossi ed Osvaldo. Uomini contati davanti con Totti alle spalle dell’inedita coppia Borini-Bojan. Ko Stekelenburg (spalla), tra i pali confermato Curci. Indisponibili: Stekelenburg, Burdisso, Cassetti, Juan. Squalificati: nessuno.

Napoli: la stagione degli azzurri dovrà durare ancora un mese visto che il 20 maggio ci sarà la finale di Coppa Italia. Ecco perché il risveglio atletico palesato dal gruppo nelle ultime due settimane lascia ben sperare per una conclusione soddisfacente di quella che rimarrà comunque una stagione memorabile. Comunque sono passate appena due settimane dalla fine del ciclo di tre sconfitte consecutive e non tutti i problemi possono essersi risolti d’incanto: grazie anche alle altre però nella corsa al terzo posto il boccino è tornato in mano a Mazzarri, anche in virtù di un calendario amico.

Vincere all’Olimpico potrebbe voler dire ipotecare il preliminare di Champions, soprattutto in caso di pareggio tra Udinese e Lazio, visti i probabili nove punti delle ultime tre partite. Per l’occasione Mazzarri ritroverà Lavezzi ma il Pocho dovrebbe partire dalla panchina. Confermato quindi il 3-5-1-1 con Hamsik alle spalle di Cavani: torna Pandev dalla squalifica, non ci sarà neppure Campagnaro fermato da una contrattura muscolare. Al suo posto Fernandez. Indisponibili: Campagnaro, Donadel. Squalificati: nessuno.

Precedenti: è ancora fresco il ricordo del 2-0 firmato Cavani con cui il Napoli firmò una delle imprese più belle degli ultimi due esaltanti campionati azzurri: era il 12 febbraio 2011 e quel giorno gli azzurri tornarono a vincere all’Olimpico dopo un’attesa durata quasi diciassette anni e mezzo, visto che l’ultima vittoria risaliva al 12 settembre ’93 (3-2). Ma in tutto sono appena nove i successi del Napoli nei 66 precedenti di campionato giocati in casa della Roma a fronte di ventinove vittorie capitoline e ventotto pareggi tra cui la striscia di cinque 0-0 su sei sfide tra il 1974 ed il 1980.

Due stagioni fa i tre punti andarono ai giallorossi (2-1, doppietta di Totti ) nella partita che costò l’esonero a Donadoni mentre nei due precedenti campionati dopo il ritorno in A degli azzurri si registrarono altrettanti pareggi: storico il 4-4 del 20 ottobre 2007 con doppia rimonta azzurra. Addirittura venticinque le reti segnate negli ultimi otto confronti diretti compreso il 6-2 del 1997 con tripletta di Abel Balbo.

Probabili formazioni: Roma: Curci; Rosi, Kjaer, Heinze, Marquinho; Pjanic, Gago, F. Simplicio; Totti; Borini, Bojan. Napoli: De Sanctis; Fernandez, Cannavaro, Aronica; Maggio, Gargano, Inler, Dzemaili, Zuniga; Hamsik; Cavani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche