Roma, nasce casa editrice Nilalienum

Libri

Roma, nasce casa editrice Nilalienum

Roma – Si chiama Nilalienum, ed è una delle case editrici più giovani d’Italia. Sorta nel cuore della capitale, si propone di trasmettere al pubblico, tramite le proprie pubblicazioni, elevate nozioni in ambito filosofico, economico, antropologico e psicologico grazie al contributo di autori italiani e stranieri.

L’inaugurazione

La prima pubblicazione di Nilalienum sarà un’antologia di tre ebook sul Capitale di Marx dal titolo “Il mondo stregato e il suo disincanto”, a cura Luigi Anepeta, psichiatra critico, scrittore, studioso di Marx e già autore di opere sul celebre economista e pensatore tedesco. Un’opera certamente meno complessa rispetto al testo originario, tuttavia arricchita da note e commenti in grado di guidare il lettore, approfondendo gli argomenti trattati. Una prima pubblicazione che ben identifica i futuri progetti editoriali della casa romana.

Il nome

Degno di particolare attenzione – sicuramente, a prima vista, per la sua stranezza – anche il nome, Nilalienum, che, per volontà stessa degli editori, è stato tratto dall’espressione di Terenzio: “Homo sum, humani nihil a me alienum puto” e che, tradotto al condizionale, significa: nulla di umano dovrebbe essere incomprensibile per l’uomo.

Un esplicito cenno di riferimento all’intento culturale e nozionistico delle sue pubblicazioni.

I progetti

A dispetto di ciò che gli editori stessi, nella home page del sito web – www.nilalienum.com – hanno scritto – “E’ (quasi) inutile aggiungere che si tratta di una sfida controcorrente rispetto
alla cultura contemporanea, che oscilla tra il rozzo naturalismo della Psichiatria e il fatuo intellettualismo idealistico del Postmoderno.”, per quest’anno è in programma anche la pubblicazione di altri tre libri: un saggio antipsichiatrico, un’antologia tematica commentata delle opere di Nietzsche e un’antologia commentata delle opere di Gramsci. Una nuova, piccola casa editrice italiana, ma che, proprio in virtù della sua estrema attenzione per la cultura e l’informazione, merita, senza alcun dubbio, una menzione d’onore e un incoraggiamento per un futuro prospero e ricco di consensi editoriali.

Filippo Munaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche