Roma, sulla Metro “A” sbagliate anche le indicazioni delle fermate

Roma

Roma, sulla Metro “A” sbagliate anche le indicazioni delle fermate

Roma
Roma, disagi sulla linea "A" della metropolitana

Roma con meno mezzi pubblici di ciò che davvero occorrerebbe e viaggiarci non è nemmeno facile. Ecco la penosa situazione riscontrata sulla metro “A”.

Roma non è mai stata facile “viverla” con i mezzi pubblici, specie se, come nella Metro “A”, le indicazioni portano fuori strada i cittadini ed i turisti che provano ad usarla. Ora si aspettano provvedimenti adeguati per risolvere il problema.

Non c’è dubbio che la Capitale costituisca una delle principali mete attrattive del nostro Paese, eppure sono davvero tanti i disagi che i turisti devono superare per vedere quanto di bello ed unico si cela in tanti siti della Città Eterna.

Uno di questi potrebbe essere rappresentato dalla linea denominata “A” della Metropolitana cittadina, la quale copre un percorso piuttosto lungo, il quale non manca di servire diverse zone nevralgiche di Roma.

Eppure utilizzarla non è così semplice come si potrebbe pensare, se è vero che come è stato di recente sottolineato anche dalla trasmissione Mediaset “Striscia la Notizia”, le indicazioni delle fermate appaiono in numerosi casi marcatamente errate.

Durante il servizio andato in onda sulla rete ammiraglia del gruppo televisivo fondato da Silvio Berlusconi, la troupe che accompagna il noto Jimmy Ghione, riprende chiaramente le indicazioni presenti sulla carrozza metro le quali segnalano l’avvicinamento alla fermata “Re di Roma”, ed invece una volta che il convoglio si ferma, ci si accorge di essere arrivati alla fermata “Repubblica”.

Un caso, penserà qualcuno, ed invece la cosa si ripete ancora.

Questa volta la carrozza avvisa il passeggero di essere vicini alla fermata chiamata “Cinecittà”, ma ancora una volta, arrivati a destinazione, ci si accorge di essere a “Furio Camillo”.

L’esperimento prosegue ed in tutti i casi quanto riportato dai display luminosi sul convoglio, non coincide affatto con quanto poi si apprende una volta che si è fuori dalla metropolitana. Ve lo immaginate un turista a Roma costantemente portato fuori strada da indicazioni come queste?

La metropolitana linea “A”, fu inaugurata nel 1980 e conta in tutto ben 27 fermate. Il tragitto complessivo coperto è di circa 18 chilometri, e su questa indispensabile vie sotterranea, si stima si trasportino circa 450 mila persone al giorno.

Il servizio andato in onda sul Tg satirico di Mediaset, non è comunque nuovo ai più attenti osservatori del programma, condotto in questo periodo della stagione dal duo comico Ficarra e Picone.

I problemi infatti nella segnalazione delle fermate, risale già a diversi mesi orsono, ed anche in quella occasione si misero in evidenza i tanti messaggi errati dati ai passeggeri all’interno delle carrozze.

Come si spiega allora che nessuno sia intervenuto per risolvere il problema? Possibile che nessuna delle segnalazioni che pure gli uffici della Società responsabile del mezzo avranno ricevuto, ha smosso dalla propria scrivania qualche dirigente?

Probabilmente i cittadini di Roma, che più spesso utilizzano la metropolitana, neanche fanno caso al problema, assuefatti come sono a “cavarsela da sé” di fronte ai piccoli trabocchetti che la loro città gli mette davanti quotidianamente.

La cosa è certamente diversa agli occhi dei turisti, italiani o stranieri che siano, dal momento che la scarsa conoscenza del tragitto della metropolitana da una parte, e della città stessa dall’altra, possono rappresentare ostacoli quantomeno antipatici durante un soggiorno vacanziero.

Prima che Roma recuperi il gap accumulato negli anni con le altre grandi capitali europee in termini di trasporto urbano, ci vorrà un tempo difficile da definire, più facile è immaginare di far funzionare ciò che già c’è, magari facendo in modo che le carrozze indichino nel modo corretto la fermata alla quale si sta per arrivare.

Cittadini e turisti, c’è da credere, attendono speranzosi che ciò finalmente avvenga.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche