Ruby filmò il Bunga Bunga

News

Ruby filmò il Bunga Bunga

Il processo che ha cambiato la storia italiana degli ultimi tempi, cercando di non pensare a quanto in basso siamo finiti, va avanti con le testimonianze. Ruby, la nipote di Mubarak per Berlusconi e per la maggioranza del Parlamento, in realtà una ex-minorenne ora incinta, avrebbe filmato l’ex-premier, le ragazze e le scene del Bunga-Bunga, un ritrovo di gentil signori ed educate donzelle, così raccontano Berlusconi, il licenziato Fede, la listina Minetti, ma allora perché tutti avrebbero paura dei video che secondo l’accusa erano il ricatto della spregiudicata Karima El Mahroug, ovvero quella rubacuori di Ruby?

A parlare al cosidetto ‘Processo Ruby’ è la maroccchina Imane Fadil, una delle poche a non essere impazzite dopo l’accuse a carico del Cavaliere e che si è costituita come parte civile nel processo invece a carico del trio meraviglia Fede, Mora e Minetti. Imane racconta anche scene vissute personalmente con la Minetti e la Faggioli che fanno lo spogliarello, vestite da suore come in Sister Act, il film con Whoopy Goldberg, e che come lei altre erano disgustate, ma non potevano dimostrarlo, scappando però il prima possibile dalla famosa villa delle feste cosidette eleganti.

La Fadil sembra molto decisa ad arrivare in fondo a questa storia raccontando con lucidità e ricchezza di particolari una cornice tutt’altro come virginale.

Chissà se anche lei impazzirà improvvisamente come Sara Tommasi o riceverà qualche aiuto economico per chissà quale buon motivo da brava ragazza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Paolucci 2642 Articoli
Andrea Paolucci è l'autore di WUH! - Gorilla Sapiens Edizioni http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/wuh
Contact: