Ruby-ter, olgettine pagate per stare in silenzio

Cronaca

Ruby-ter, olgettine pagate per stare in silenzio

Emergono nuovi particolari nell’ambito dell’inchiesta Ruby-ter, circa il probabile “inquinamento probatorio” messo in atto da Silvio Berlusconi, che avrebbe “pagato” il silenzio di alcune ragazze coinvolte in passato nelle serate ad Arcore, in particolare quello di Ruby (Karima El Marough). Nei conti delle ragazze risultano infatti versamenti cash di migliaia di euro. Gli investigatori della sezione giudiziaria hanno proceduto alla perquisizione di 21 ragazze, tra cui Ruby, e l’avvocato Luca Giuliante. Secondo le indagini quest’ultimo avrebbe agito da tramite per alcuni versamenti da parte dell’ex premier alla giovane marocchina. Dalle analisi investigative effettuate è emerso che nell’ultimo periodo Ruby ha compiuto spese folli, assolutamente difficili da giustificare in base ai soldi da lei guadagnati.

Una perquisizione è avvenuta anche nell’abitazione della ex showgirl Barbara Guerra, che vive in una casa del valore di un milione di euro messa a sua disposizione proprio da Berlusconi. La donna non voleva aprire la porta alla polizia, e si è rassegnata a farlo solo quando sono arrivati i vigili del fuoco.

Su Berlusconi grava il pesante indizio di “corruzione in atti giudiziari” per aver pagato il silenzio delle ragazze coinvolte nella questione dei festini organizzati presso Villa San Martino, e in particolare per aver pagato un ingente compenso a Ruby “se avesse taciuto o fatto la pazza”.

1 Trackback & Pingback

  1. Ruby-ter, olgettine pagate per stare in silenzio | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...