Russia: incursione di Greenpeace contro la pirateria COMMENTA  

Russia: incursione di Greenpeace contro la pirateria COMMENTA  

La Russia martedì ha aperto un’indagine di pirateria dopo la protesta di Greenpeace contro le attività petrolifere del colosso energetico Gazprom nell’Artico, dicendo che perseguirà tutti gli attivisti coinvolti.


Il portavoce del Comitato Investigativo Vladimir Markin ha affermato che un’inchiesta penale per pirateria è stata intrapresa nei confronti di un gruppo organizzato dopo la protesta del 18 settembre di Greenpeace su una piattaforma petrolifera di Gazprom nel Mare di Barents.


“Va notato che tutte le persone che hanno attaccato la piattaforma (petrolifera), a prescindere dalla loro cittadinanza, ne risponderanno penalmente”, afferma Markin in una dichiarazione.


L’Arctic Sunrise battente bandiera olandese ha monitorato le attività di esplorazione di Gazprom da agosto, nella speranza di esporre i pericoli di estrazione del petrolio in una delle riserve naturali più grandi del mondo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*