Russia, scoperto orfanotrofio lager degli orrori: 27 bambini morti per denutrizione

Russia, scoperto orfanotrofio lager degli orrori: 27 bambini morti per denutrizione

News

Russia, scoperto orfanotrofio lager degli orrori: 27 bambini morti per denutrizione

In Russia è stato scoperto un orfanotrofio lager dove sono morti 27 bambini. Scopri in quali condizioni erano costretti a vivere.

Ancora una volta i bambini protagonisti di una trista vicenda. In Russia è stato scoperto un vero e proprio orfanotrofio lager dove hanno perso la vita 27 bambini. Le autorità stanno indagando per cercare di capire chi sono i responsabili di questo massacro.

L’orfanotrofio lager

Quattrocento bambini denutriti e abbandonati a loro stessi senza cure né assistenza. “Abbiamo visto bambini in tali condizioni solo nei documentari sui campi di concentramento nazista”. Queste le parole di Oleg Zaratovski, il procuratore che si occupa dell’inchiesta dell’orfanotrofio degli orrori a Miski, in Russia. Sono 27 bambini morti negli ultimi due anni e mezzo. La maggior parte per fame, mentre alcuni perfino per soffocamento da cibo. Molti altri sono in stato evidente di denutrizione, mentre le condizioni igieniche della struttura vengono messi fortemente in dubbio. Il rischio è che altre patologie aggravino ulteriormente gli altri bambini conducendoli a fine prematura. Adesso sono in molti in tutto il mondo a pretendere giustizia per questi piccoli malati che non hanno avuto neanche la possibilità di chiedere aiuto.

In mobilitazione molte associazioni che proteggono i Diritti Umani e dei Bambini.

orfanotrofio lager

Le giustificazioni della struttura

La procura e le autorità russe sono ora alla ricerca dei responsabili. Le persone che gestiscono l’orfanotrofio hanno cercato in tutti i modi di giustificarsi utilizzando le più fantasiose motivazioni. Hanno infatti affermato che i bambini avevano dei problemi a mangiare il cibo normale ma non c’era altra scelta visto che non erano presenti i fondi sufficienti per comprare quello che avrebbe permesso a loro di crescere di peso. La vicedirettrice dell’orfanotrofio, Marina Fedorenchik, ha difeso la struttura dove lavora. Per farlo ha sottolineato come i bambini che vengono portati li hanno tutti disabilità mentali congenite. Questi problemi sono inoltre solitamente accompagnati da gravi forme di paralisi cerebrale o altre patologie dalla nascita.

L’inchiesta è partita grazie alle segnalazione della gravità della situazione alle autorità locale da parte di alcuni medici locali.

Alexy Momotov, un pediatra di uno degli orfanotrofi di Minsk, ha cercato di raccogliere fondi per acquistare prodotti nutrizionali tramite Facebook ma senza riuscire ad ottenere risultati considerevoli.

Provvedimenti

L’orfanotrofio, secondo quanto si apprende da fonti interne agli uffici del pubblico ministero, è responsabile di aver violato la legge che obbliga queste struttura a dare l’alimentazione necessaria a tutti i bambini che vivono sotto quel tetto. Al momento sono stati licenziati due alti dirigenti della struttura. Un terzo invece al momento ha avuto solamente un sanzione disciplinare. Il pm Oleg Zaratovski ha però avuto parole molto dure anche nei confronti dei medici che periodicamente devono controllare le condizioni dei bambini. “Probabilmente non sono avvenuti controlli regolari, altrimenti la situazione sarebbe venuta fuori prima” ha concluso il procuratore che indaga sullo scandalo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche