Ryanair, commessa per 18 miliardi di dollari per nuovi aerei COMMENTA  

Ryanair, commessa per 18 miliardi di dollari per nuovi aerei COMMENTA  

Pare vivere un momento d’oro, la Ryanair. La compagnia aerea irlandese ha preventivato ordini per 15 miliardi in nuovi aerei. Il vettore è praticamente ogni giorno su giornali e quotidiani per fatti di cronaca o offerte che hanno spiazzato i concorrenti, noto per la fiscalità dei suoi controlli (bisogna leggere sempre le norme della Ryanair: ben lo sa la turista spagnola a cui qualche tempo fa è stato negato un imbarco per un libro di troppo), per le sue pubblicità che vedono Berlusconi testimonial suo malgrado (un annetto fa la compagnia lo invitava esplicitamente a “scappare” con Ryanair), per alcune iniziative che hanno destato scalpore, dal calendario osé delle hostess ai voli in offerta a pochi centesimi di euro.

 

Questa volta è un’operazione commerciale ad accendere i riflettori e a smuovere le penne dei giornalisti: un mega-ordine di centosettantacinque boeing 737 – 800 per la cifra di 18 miliardi di dollari, roba da far girare la testa a Paperon de’ Paperoni. La fornitura dei nuovi apparecchi è essenziale al raggiungimento dell’obbiettivo che Ryanair si è prefissato: 100 milioni di passeggeri da trasportare nel 2019, per un aumento del 5% rispetto ai più di 76 milioni del 2012.

 

Si prospetta dunque come uno dei più grande, se non il più grande, contratto dell’aviazione civile mai sottoscritto, che porterà dunque, salvo complicazioni, la flotta di patron O’Leary – già ora la più nutrita nello scenario europeo – ad un organico di oltre 400 velivoli.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*