Ryanair, per il secondo giorno di fila un aereo è dovuto tornare a Orio dopo la partenza

Milano

Ryanair, per il secondo giorno di fila un aereo è dovuto tornare a Orio dopo la partenza

Per il secondo giorno consecutivo, un aereo Ryanair ha dovuto interrompere il volo e ritornare a terra. Entrambi i voli erano partiti da Orio al Serio.

Ieri il volo era Bergamo-Brindisi delle 16.40. Poco dopo la partenza dallo scalo lombardo, il veicolo ha dovuto fare marcia indietro a causa di strani rumori avvertiti dai passeggeri all’interno della cabina. Dopo i rumori sospetti, l’aereo ha iniziato ad oscillare, scatenando il panico tra i passeggeri. Il comandante è stato così costretto a rientrare per precauzione ad Orio, dopo esservi partito da soli 20 minuti. Secondo le prime informazioni, la causa dell’avaria potrebbe essere un guasto tecnico al radar meteorologico. Una volta risolto il problema, i passeggeri sono potuti ripartire intorno alle 19, anche se dodici di loro hanno rifiutato.

Il volo di oggi invece era il FR 4001, destinazione Lanzarote, decollato alle 14 con a bordo 179 passeggeri. Dopo pochi istanti dalla partenza, un odore acre è stato avvertito in cabina.

Anche in questo caso il problema è un piccolo guasto tecnico. Il comandante ha preferito quindi fare rientro nell’aeroporto bergamasco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche