Sacchetto: “Pacchetto latte, nuove opportunità per le aziende”

Attualità

Sacchetto: “Pacchetto latte, nuove opportunità per le aziende”

Ieri, mercoledì 15 febbraio, dopo molti tentennamenti il Parlamento Europeo, con una larga maggioranza, ha approvato il nuovo Pacchetto latte. Molte sono le novità previste: il settore lattiero-caseario in continua evoluzione necessita di significativi cambiamenti, improntati ad una giusta modernità equa e solidale. Molteplici sono le novità contrattuali previste, novità anche per quanto concerne l’ambito travagliato delle organizzazioni produttive. Servono cambiamenti radicali per un maggior riequilibrio di mercato. L’ Assessore Regionale all’Agricoltura della Regione Piemonte, Claudio Sacchetto, ha dichiarato: “L’approvazione del Pacchetto latte rappresenta indubbiamente una grande notizia per il Piemonte, dove il settore da sempre lavora con grandi risultati contraddistinti dall’eccellenza. Le novità sono molte e positive: dal punto di vista contrattuale vi sarà maggior potere da parte dei produttori mediante il coinvolgimento delle organizzazioni degli stessi, inoltre l’opportunità di poter programmare, sulla base di attente analisi del mercato e del suo andamento, la produzione dei formaggi dop, dunque riservando la giusta attenzione alle produzioni di qualità certificata.

Insomma un complesso di nuove norme che permette di poter porre le basi per un rilancio vigoroso del settore caseario, un comparto in ripresa, ma che riporta ancora le conseguenze della crisi del 2009. Un buon punto di partenza per affrontare con la giusta determinazione gli anni immediatamente precedenti e successivi il termine del regime quote latte. In sostanza si darà la possibilità al mondo del latte di evolversi con metodi di autoregolamentazione delle produzioni in base alle tendenze di mercato per conseguire un efficace equilibrio tra domanda ed offerta sulla falsariga di ciò che avviene nel mondo del vino, con buon successo, da molti anni ”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche