Sacerdote mostra per errore foto porno gay durante incontro con genitori per la prima comunione COMMENTA  

Sacerdote mostra per errore foto porno gay durante incontro con genitori per la prima comunione COMMENTA  

20120403-195202.jpg

Imbarazzate quanto increscioso incidente, durante un incontro con i genitori ed i bambini che avrebbero dovuto fare la prima comunione. Secondo quanto riportato dal sito della BBC, padre Martin McVeigh, sacerdote della chiesa di Saint Mary di Pomeroy, in Irlanda, ha proiettato per errore alcune foto porno gay.

Leggi anche: Zeroimpactlab lancia la nuova app per ridurre lo spreco alimentare

Le immagini erano contenute in una chiavetta usb, naturalmente, le foto che il religioso voleva mostrare eran ben altre. Il sacerdote, che nega ogni addebito circa le immagini, ha immediatamente tolto la chiavetta e si è allontanato frettolosamente.

Leggi anche: Zanzara tigre: è in atto una vera invasione in Italia

Sul caso i vertici della Chiesa Cattolica Irlandese hanno diramato un comunicato nel quale è stato ribadito che padre Martin McVeigh era all’oscuro del contenuto della chiavetta precisando che nessun reato è stato commesso.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*