Salah arrestato a Bruxelles, Parigi chiede l’estradizione

Salah Abdeslam, dopo quattro mesi di latitanza, è stato arrestato ieri a Bruxelles dalle forze dell’ordine belghe. È quindi terminata la fuga dell’uomo più ricercato d’Europa, la figura di primo piano nell’organizzazione e nell’attuazione delle stragi di Parigi dello scorso 13 novembre.

Leggi anche: Bruxelles: 2 esplosioni all’aeroporto di Zaventem e nella metropolitana. Almeno 26 morti 136 diversi feriti (diretta)

Salah Abdeslam è stato arrestato nell’ambito di un’imponente operazione di polizia condotta nel quartiere di Molenbeek, dove il terrorista è forse sempre rimasto nascosto, protetto con modalità che ora le indagini dovranno chiarire. Ora l’uomo si trova presso l’ospedale di Saint Pierre, nella zona centrale della capitale belga, dove è stato portato a seguito di una ferita alla gamba rimediata nello scontro con le forze dell’ordine.

Leggi anche: Bruxelles. Esplosione nella stazione della metropolitana Maelbeek (VIDEO)

Con Salah sono stati arrestati altri due complici. Il primo si trovava proprio con Salah in un appartamento in Rue de Quatre Vents, nel quartiere di Molenbeek, mentre il secondo sarebbe stato individuato altrove. Da Parigi è nel frattempo già arrivata la notizia che “la Francia chiederà l’estradizione di Salah Abdeslam”. Ad annunciarlo è stato in prima persona il presidente francese Francois Hollande, che ha anche dichiarato di essere “sicuro” che il Belgio acconsentirà a far processare Salah in Francia.

Leggi anche: Attentati Bruxelles: Salvini, ‘stavo andando in aeroporto’

Leggi anche

imbarchi-aereo
Attualità

La mia grappa è una ‘bomba’, scattano misure anti terrorismo

A volte i malintesi possono generare il caos. Come accaduto poco prima della partenza, dall'aeroporto Marco Polo di Venezia, di un volo Air Canada per il quale è scattato il protocollo anti terrorismo dopo le parole di uno dei passeggeri. In fase di imbarco infatti un passeggero italo-canadese di origini trevigiane, ha pronunciato le parole sbagliate nel momento sbagliato. "Questa grappa è una bomba", avrebbe detto alla compagna poco prima di salire sull'aereo; un altro passeggero poco distante ha udito tutto e preoccupato ha avvisato il comandante di quanto udito pochi minuti prima; tanto è bastato per generare preoccupazione e [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*