Salerno-Reggio Calabria: inaugurato nuovo tratto percorribile

News

Salerno-Reggio Calabria: inaugurato nuovo tratto percorribile

Salerno-Reggio Calabria
Salerno-Reggio Calabria: inaugurato il nuovo tratto

Renzi presente all’inaugurazione del nuovo tratto della Salerno-Reggio Calabria. Su Twitter il premier annuncia la notizia con l’hashtag #comepromesso.

443 chilometri di autostrada percorribili. Si parla dell’A3, ora composta da quattro corsie. Renzi era presente all’inaugurazione del nuovo tratto autostradale tra Laino Borgo e Campotenese, per valutarne i lavori. Entro il 22 dicembre l’autostrada più nota come la Salerno-Reggio Calabria sarà finalmente pronta. Lo dice il premier Matteo Renzi e lo ribadisce su Twitter con l’hashtag #comepromesso.
Questa è, per il premier, l’ennesima prova di come uniti si possa lavorare bene. L’Italia dovrebbe apparire unita e orientata verso un obiettivo comune anche in altri campi, non solo in certi settori. Un’impresa che nessuno pensava realizzabile – ossia il vedere la Salerno-Reggio Calabria sgombra dai cantieri – è ora in parte realizzata, con i 443 km di autostrada percorribili. Il completamento dei lavori entro il 22 dicembre non è un progetto utopistico secondo Matteo Renzi, che ritiene sia sufficiente lavorare bene come si è fatto fino ad oggi.
“Ogni giorno qualcuno vi dirà che non ce la si fa, e noi tutti i giorni dimostreremo che invece si può fare”, queste le parole di Matteo Renzi durante la conferenza stampa convocata in merito all‘inaugurazione del nuovo tratto autostradale.

In questa giornata, il pensiero del premier toscano è andato alla famiglia di Adrian Miholca, operaio deceduto lo scorso anno mentre lavorava proprio a quel tratto autostradale.

La Salerno-Reggio Calabria, fino ad oggi simbolo del costante ritardo e della mancata organizzazione in cui – per alcuni – regna l’Italia, sarà da questo momento in poi un simbolo di rinascita e di partenza, proprio a dimostrare che nulla è impossibile.
Questa apertura porterà a grandi miglioramenti anche per il turismo italiano, che non vedrò più tutti gli impedimenti manifestatesi fino a questo momento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche